B. Ferrara scrive: “La Tim Cup finisce qui, non basta il cuore viola”

Il Napoli non domina, ma un gol di Callejon spedisce Sousa e i suoi fuori dalla Coppa Italia. Nessuna sorpresa, quindi…

di Redazione VN

“Yes i know may way, canta Pino. E anche Sousa, probabilmente, che ha messo i suoi sul campo convinto di aver trovato la soluzione giusta per provare a fare quello che sembra impossibile. Ottime idee, buona Fiorentina. Ma non basta. Il Napoli non domina, ma un gol di Callejon spedisce Sousa e i suoi fuori dalla Coppa Italia. Nessuna sorpresa, quindi. Anche se la Fiorentina se l’è giocata. D’altra parte pare cosa possibile. Basta riguardarsi la partita di campionato e quel 3-3 figlio di due errori clamorosi della difesa. Due regali. Ecco. Il che potrebbe significare che il tridente terrorizzante di casa Sarri, che questa volta non prevede l’impietoso Mertens ma la lussuosa riserva Pavoletti, può essere fermato. E così Paulo fischietta il grande Pino Daniele e organizza il suo fortino nella speranza che stavolta nessuno faccia regali (…)”.

 

L’articolo integrale di Benedetto Ferrara all’interno di Repubblica in edicola oggi

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. VIOLA ACCESO - 4 anni fa

    Non sono d’accordo, l’errore capita a tutti, prendere un gol al San Paolo è prevedibile. Secondo me il problema grosso è l’assoluta mancanza di idee e di schemi in attacco. La verità è che non abbiamo MAI assolutamente impensierito la loro difesa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco Chianti - 4 anni fa

      Hanno avuto il controllo del centrocampo perché fondamentalmente sono meglio di noi anche in quel reparto. Non si giocava contro una squadra Cinese che magari paga Tevez 38 milioni all’anno e quindi ha il monte ingaggi falsato da un giocatore, in Italia se una squadra paga il doppio i giocatori rispetto ad un’altra vuol dire che qualcosa di fondo c’è. Poi ogni tanto ci scappa l’eccezione, in positivo o in negativo, ma forse non è un caso che la Fiorentina generalmente vinca le partite con le squadre da metà classifica in su e le perda con quelle di alta classifica. Banale ma la realtà è questa poco da fare. Complimenti ai giocatori che contro una squadra più forte, fuoricasa e con un arbitraggio casalingo se la sono giocata fino al termine, l’unico appunto che posso fare loro è essersi fatti irretire nel finale dando spazio alle sceneggiate e finendo per fare il loro gioco ma sono cose di poco conto, la prestazione è stata buona.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Marco Chianti - 4 anni fa

        Vince con quelle di bassa classifica chiaramente.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marco Chianti - 4 anni fa

    E’ inutile prendersela con Sousa, l’unico errore che può aver fatto è aver tardato 15 minuti a mettere in campo Borja, non era necessario aspettare il 75. Comunque un errore di poco conto. Sulla difesa probabilmente ritiene Tomovic più affidabile di Salcedo e De Maio e io non ce la faccio a dargli torto, nel senso che il livello dei suddetti giocatori, di tutti e tre, è quello di una bassa serie a. Il problema è che di difensori di livello, a parte Sanchez che merita delle verifiche prima di potersi esprimere, la Fiorentina ne ha due e questi sono Astori e Gonzalo il quale l’anno prossimo grazie alla nostra magnificente società farà le valigie e se ne andrà. Sarà rimpiazzato a dovere? Io francamente, e lo dico sperando di essere smentito, ne dubito.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Porto Santo l'isola dorata - 4 anni fa

      L’errore di mettere Borja troppo tardi è stato evidenziato anche dal fatto che Cristoforo ha giocato in un posizione anomala dove non riusciva a toccare palla ed a incidere sul gioco. Secondo me la squadra doveva schierarsi a 5 a centrocampo con una linea Chiesa, Vecino, Badelj Borja Maxi Oliveira, dove, a turno i tre del mezzo potevano raddoppiare sugli esterni limitando le loro azioni e coprendo meglio gli spazi. Poi sono d’accordo che abbiamo fatto quello che era possibile fare con i mezzi che abbiamo. In quanto a Gonzalo è giusta la posizione della società ed in linea con le “regole” per i giocatori sopra i 30 anni. Non si può fare un contratto di due anni a quelle cifre d un giocatore che, specialmente, ultimamente ha dimostrato di non essere più quello di una volta e, ammesso anche che lo facessero dovrebbero assolutamente acquistare non un sostituto ma un titolare non dano Gonzalo più quelle garanzie di una volta.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy