Grande con le piccole e piccola fuori casa. Fiorentina, serve un cambio di rotta

12 punti contro 1: tra casa e trasferta c’è un abisso. Ma il calendario è stato finora “strano” per la Fiorentina

di Redazione VN

Se l’Artemio Franchi è un fortino, in trasferta è tutta un’altra storia. Dopo 8 giornate di campionato è solo uno il punto ottenuto lontano da Firenze per la Fiorentina, anche se la differenza tra le squadre affrontate in casa e fuori è netta. Sono evidenti le potenzialità di Napoli, Inter e Lazio, rispettivamente la seconda, terza e quarta in classifica. Come sottolinea il Corriere dello Sport – Stadio il calendario ha casualmente condensato impegni più agevoli in casa e più impegnativi in trasferta. E anche nelle sconfitte, la squadra di Pioli ha disputato quasi sempre partite di buon livello mentre in casa ha approfittato di avversari più morbidi e dei 30.000 tifosi sempre presenti. Con il Cagliari si punta ad allungare la striscia positiva, poi tra novembre e dicembre sarà necessario invertire la rotta: Roma e Juve in casa, Frosinone e Bologna fuori.

vnconsiglia1-e1510555251366

Mal di trasferta: per ritrovare un (magro) bottino simile bisogna tornare a quasi 40 anni fa

Fiorentina, ma il mercato dov’è?

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Conte de Pippus - 2 anni fa

    Ma che rotta vuoi cambiare, è da agosto che dico di una squadra modesta. abbiamo vinto solo con squadrette da serie B. I fratellini devono vendere ed andarsene!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. unial5_899 - 2 anni fa

    Quale mercato si parla? Era ovvio, che prima o poi dsarebbero emerse tutte le contradizioni di quello che viene chiamato mercarto ma per noi, al limite “,è un semplice prestito”. L’aria è sempre quella e se non vendono non cambierà. Spero fortemenete nella vendita della società, aria nuova, altre persone, altro modo di intendere il calcio e non più questa brodaglia che va avanti da 16 anni. Basta!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. unial5_802 - 2 anni fa

    Servono uova adatte allo scopo. Il problema sta sempre lì, investire in giocatori adatti al tipo di gico che vuole il mister. Significa aumentare il monte ingaggi, prendere 2 o 3 giocatori buoni e avere anche un po’ di fortuna. Tutto qui, altre ricette fumose (sposto X a destra, Y a sinistra, etc. etc.) non servono. Chi non ha reso e è in prestito a gennaio lo si restituisce e si fa spazio agli acquisti. Sto raccontando una favola? E’ molto probabile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy