“Voglio parlarvi di come la Fiorentina mi ha aiutato a sconfiggere il bullismo”

“Voglio parlarvi di come la Fiorentina mi ha aiutato a sconfiggere il bullismo”

La storia di A.R., ragazzo di Roma vincitore del contest di ViolaNews.com e della maglia di Marco Benassi

di Redazione VN

Voglio parlarvi di come la Fiorentina mi ha aiutato a sconfiggere il bullismo.

Era il 25 aprile 2009, avevo circa 8 anni. Io, tifosi della Viola fin da piccolo, nonostante un padre juventino e cittadino romano.
Durante le elementari sono stato preso di mira per vari motivi – uno dei quali la fede calcistica – da alcuni bulli, accesi tifosi della Roma. In quegli anni andavamo forte, ma contro la Roma non ci andava mai bene, fattore che portava i citati soggetti a darmi sempre più fastidio, soprattutto dopo ogni Roma-Fiorentina.
Quella sera, però, la Fiorentina vinse 4-1 contro la Roma: li devastammo con un siluro di Vargas da fuori, una doppietta di Gilardino e un gol di Gobbi a concludere il poker. Quella sera fui molto felice per la vittoria e per la soddisfazione di vedere finalmente la Viola trionfare contro i giallorossi, nonostante un po’ di paura per ciò che sarebbe potuto accadere il giorno dopo.

Quando, per mia sorpresa, nessuno disse niente, ma anzi i bulli iniziarono a parlarmi. E a trattarmi come un normale ragazzino della loro età. Fu così per il resto delle elementari.
Tengo a cuore quella partita perché grazie alla Fiorentina riuscii a fare qualcosa che ancora oggi per molti è difficile: sconfiggere il bullismo.

A.R.

************************

Violanews.com ringrazia ancora i tantissimi lettori che hanno partecipato al contest indetto nei giorni scorsi in merito alla vostra storia con la Fiorentina. Nei prossimi giorni pubblicheremo anche altre vostre testimonianze, fermo restando che la maglia originale della Fiorentina autografata di Benassi va all’autore di questo racconto.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bati - 6 mesi fa

    Bravo! Chi tifa Fiorentina da lontano è un tifoso molto particolare e in certi frangenti quasi eroico. Già lo è se uno è fiorentino che vive lontano da Firenze (come ho fatto io per tanti anni a Milano) , immaginiamo quello che deve essere per un non fiorentino che tifa viola a casa sua. Essere tifosi viola lontano da Firenze, rende sicuramente tifosi migliori e decisamente più consapevoli della realtà.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aliseo - 6 mesi fa

      hai ragione, anch’io tifo Fiorentina sin da bambino, tutti mi dicono sempre: come fai a tifare Fiorentina tu che sei di Formia?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bati - 6 mesi fa

        Il tifo è una cosa irrazionale, il cuore prevale e la mente non può opporsi. Se non fosse così saremmo tutti juventini.

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy