Vergine: “Ma quale Atalanta, il vero modello è la Fiorentina. Tifosi, state tranquilli perchè…”

Vergine: “Ma quale Atalanta, il vero modello è la Fiorentina. Tifosi, state tranquilli perchè…”

“Mercato? Il colpo più grande è volontà da parte della proprietà di dare una casa ai giovani viola, uno dei progetti più ambiziosi a livello internazionale”

di Redazione VN
Vincenzo Vergine, Carlos Freitas

Il professor Vincenzo Vergine, responsabile del settore giovanile della Fiorentina, è intervenuto ieri ai microfoni di Platinum Calcio: “Chi dopo Babacar, Bernardeschi e Chiesa? E’ come chiedere ad un genitore chi è il figlio preferito. Rispondere non renderebbe onore agli esclusi. Lavoriamo per creare delle risorse tecniche per la prima squadra, siamo orgogliosi e felici di vedere giovani come Chiesa e Bernardeschi – che sono frutto del territorio – ad alti livelli. La Fiorentina è anche valori e principi, ci teniamo a sottolinearlo.

Inter? Vedremo come andrà. Incrociamo le dita e dico ai tifosi di avere fiducia nella Fiorentina visto che la squadra è da tanti anni, con continuità e solidità, nella parte alta della classifica di Serie A. Se un ente super partes come la Uefa dice che la Fiorentina è il quarto club italiano, un motivo ci sarà… Se fossi un tifoso della Fiorentina, avendo la famiglia Della Valle, dei piloti collaudati come Pantaleo Corvino e una presidenza lungimirante, starei tranquillo. La volontà di andare a costruire un centro sportivo per le giovanili testimonia la voglia di programmare da parte della proprietà. Si pensa all’oggi, ma anche al domani, con l’obiettivo di poter competere con i mostri sacri del nostro calcio.

Mercato? Il colpo più grande è volontà da parte della proprietà di dare una casa ai propri giovani, uno dei progetti più ambiziosi a livello internazionale. Modello Atalanta? “Modello” è un termine che bandisco. Era associato all’Udinese qualche tempo fa, salvo poi ritrovare la squadra bianconera a lottare per la salvezza, poi è toccato alla Sampdoria. Ci sono tanti “modelli” che si succedono, mentre la Fiorentina è sempre lì, con continuità. Non dimentichiamoci che per quattro anni di fila siamo stati in Champions League. Il vero modello è la Fiorentina. L’Atalanta si potrà definire tale quando farà quanto fatto da noi negli ultimi anni”.

Violanews consiglia

Ag. Koziello a VN: “Viola gradita e interessata da un anno, ma affare non chiuso”. Il prezzo e i margini…

Freitas come Macìa, l’arte di saper ‘trattare in casa’

9 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. emilio - 2 anni fa

    … SOLO DOPO ACCURATA VISITA DELL’ANDROLOGO/GINECOLOGO…VEDREMO SE E’ PROPRIO LUI ?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. danugo_223 - 2 anni fa

    Esatto… Ma questo vergine da dove salta fuori dall’olio d’oliva?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Ivo - 2 anni fa

    Purtroppo, come dico sempre, ogni tifoso pensa che i giovani della propria squadra siano i migliori al mondo. Mi ricordo di Capezzi, qualcuno voleva fare la guerra per averlo dato via a poco, alla Samp sta facendo pena, palesemente inadatto per certi livelli, forse anche per la serie A. Non mi pare che ci siano giocatori lasciati andare via a 2 lire che poi abbiano avuto grandissime carriere. Poi certo, siamo tutti d’accordo che per fare il Cristoforo o il Maxi Olivera della situazione (6/7 presenze all’anno) vada bene anche un qualsiasi ragazzino del settore giovanile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. rudy - 2 anni fa

      Se in parte ti riferisci al mio post il significato che gli volevo dare è che fare investimenti costosissimi per i giovani, sottraendo liquidità alla prima squadra, in centri sportivi, villaggi, academy, come stanno progettando i DV,forse non è conveniente visti i risultati, sia dal punto di vista tecnico che economico, che negli anni hanno dato i giovani usciti dalla Primavera.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco Chianti - 2 anni fa

    Ma ci piglia pe i culo?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. rudy - 2 anni fa

    Apprezzo Vergine, ottimo organizzatore e profondo conoscitore dei Regolamenti, meno come talent scout, ma mi permetto di fargli notare come ai giovani che fuoriescono dal vivaio viola venga quasi sempre regalato il cartellino (Mancini, Madrigali, Fazzi, Seculin, Petriccione, Lezzerini, ecc.)senza alcun tornaconto per la Società e che uno come Chiesa è un patrimonio viola solo perché casualmente suo padre decise di tornare a vivere a Firenze, dopo l’esperienza da allenatore delle giovanili della Sampdoria, altrimenti oggi giocherebbe altrove.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. purple - 2 anni fa

    “Mercato? Il colpo più grande è volontà da parte della proprietà di dare una casa ai propri giovani, uno dei progetti più ambiziosi a livello internazionale”

    io questa la metterei sul Vernacoliere!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ultravioletto - 2 anni fa

    Sante parole

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Up The Violets - 2 anni fa
    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy