Tormentone Chiesa: la Fiorentina fa scudo per evitare che Federico venga screditato

La Fiorentina rifiuta il processo mediatico dopo il contatto in area con Toloi

di Redazione VN
Federico-chiesa

Non si placa il tormentone Chiesa. Federico è stato accusato da Gasperini di essere un simulatore e quindi diseducativo. L’assalto mediatico al giocatore, però, ha trovato nella Fiorentina e in Firenze uno scudo essenziale e decisivo per evitare, scrive La Nazione, che il talento puro del gioiellino viola possa essere screditato per un episodio (dubbio o non dubbio che sia) che rimane tale. La sensazione, semmai, è un’altra e porta a pensare che gli attacchi a Federico possano essere la strumentalizzazione di un qualcosa di più ingombrante. Ad esempio, la poca sintonia tra gli arbitri e la tecnologia del Var.

Pioli, Cognigni, Della Valle e i compagni hanno fatto cerchio intorno a Chiesa. Anche perché il campionato sta già per rimettersi in moto e sull’orizzonte della Fiorentina c’è una sfida da prendere con le molle, a casa della Lazio. Arbitri e Var dovranno essere all’altezza di un match che promette scintille.

vnconsiglia1-e1510555251366

Piano con le parole

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Up The Violets - 2 anni fa

    Sicuri sicuri? Io guardo i social network e li vedo pieni di m***a interista nei nostri confronti; leggo giornali e siti, guardo tv e ascolto radio, eppure a parte quella peraltro molto signorile replica di Cognigni a Percassi non vedo nient’altro, per ora. La società deve farsi sentire e anche pesantemente, minacciando di tutelarsi da questi attacchi contro se stessa e soprattutto contro Chiesa, a favore del quale è stata spesa solo qualche parolina da Pioli e da Biraghi nel dopopartita. Non è solo una questione di giustizia nei confronti del ragazzo. Facendo altrimenti, domenica in casa della Lazio sarebbero quotati a 1 il randellamento autorizzato su Chiesa e l’episodio o due decisivi a favore laziale.

    SVEGLIA, FUORI LA VOCE!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy