Top e flop viola: Rossi c’è anche se non segna, impreciso Gomez

Conferma positiva per Hegazi davanti alla difesa. Diakhatè con personalità

di Redazione VN

La Fiorentina batte 2-0 il neopromosso Carpi nell’ultima amichevole del ritiro di Moena. Questi i top e i flop della formazione viola.

 

TOP

DIAKHATE’: una delle note liete del ritiro di Moena. Il giovane classe 1998 continua a stupire e sembra avere il passo per stare nel calcio dei grandi. Contro il Carpi viene schierato nel primo tempo a centrocampo insieme a Vecino ed Hegazi. Il senegalese dimostra di avere tecnica, carattere e personalità. Va a prendere la palla dai compagni più esperti smistandola con qualità, anche se qualche volta eccede con i tacchi. Al 23′ segna l’1-0 con un colpo di testa ravvicinato, ma l’arbitro annulla per aver giudicato la sfera fuori dal campo al momento del passaggio di Joaquin. Si rende nuovamente pericoloso al 27′ su un traversone di Ilicic dalla trequarti, ma l’incornata termina di poco sopra la traversa. Pimpante e reattivo.

HEGAZI: Paulo Sousa aveva schierato l’egiziano come regista già sabato scorso in occasione dell’amichevole contro il Team Trentino. Il portoghese ripete questa scelta tattica anche con il Carpi. Si tratta solo di un esperimento per il momento, ma questo sembra dare i suoi frutti. Grazie alla sua fisicità, il classe 1991 fa da scudo al reparto arretrato, proteggendolo dagli attacchi – rari a dire la verità – della formazione di Castori. Si fa dare la sfera dai difensori e la fa girare bene a destra e a sinistra. Qualche volta prova il lancio lungo, dimostrando un piede niente male. Che sia l’alba di una nuova carriera?

ROSSI: bentornato Pepito. Giuseppe non giocava da quasi un anno, precisamente dal 10 agosto 2014, avversario di turno il Malaga. I tifosi si accendono quando entra sul rettangolo verde. L’ex Villareal risponde alla grande, come da sua abitudine, con numeri di alta scuola. Come in occasione del 2-0 al 35′. Passaggio filtrante per Borja Valero – bravo ad inserirsi in area – e lob dolce dello spagnolo. I due si ripetono, a ruolo invertiti, al 39′. Assist dell’iberico, Pepito calcia al volo di destro, ma la palla finisce sopra la traversa. Rossi c’è.

 

FLOP

GOMEZ: prestazione migliore rispetto a quella fornita mercoledì contro il Gyirmot Gyor, ma da lui, tifosi e addetti ai lavori, si aspettano di più. L’ex Bayern Monaco partecipa maggiormente al gioco, ma non fa molto per andare a cercarsi la palla, risultando così ancora troppo statico. Purtroppo lo si nota solo per due gol sbagliati. Al 37′ colpisce un legno da posizione defilata dopo un’indecisione di Benussi. Al 44′ fa la barba al palo incrociando troppo il tiro su passaggio di Ilicic dal fondo. Lavori in corso.

VECINO: uno dei più attesi del ritiro di Moena. Inizia bene centrando un palo dal limite dopo una splendida azione in velocità con Diakhatè. Da quel momento in poi, però, l’ex Empoli si perde un po’, si limita al compitino commettendo qualche errore di troppo nella costruzione della manovra.

 

Da Moena – STEFANO NICCOLI

@StefanoNiccoli3

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy