Toni, Mutu e Jovetic: quando il NO dei Della Valle si fece sentire

La proprietà ha dimostrato più volte in passato di saper resistere agli assalti delle big italiane: chiedere a Inter, Roma e Juventus…

di Redazione VN

Sulle pagine dell’edizione odierna di Stadio si ripercorre una serie precisa di eventi legati al passato recente della Fiorentina, ovvero quei momenti in cui l’autorità dei fratelli Della Valle si impose sul mercato in uscita: “In origine è stato Luca Toni, giusto per fare forse l’esempio più eclatante. Mentre lui si vede all’Inter, pronta a sborsare 25 milioni per prenderlo, Diego Della Valle non ci pensa minimamente a dare il centravanti a Moratti. Morale? Toni dà la mano richiesta e attesa, poi l’anno dopo emigrerà al Bayern”.

A seguire due anni più tardi fu il mancato passaggio di Mutu alla Roma; in quel caso ad imporsi fu Andrea. Poi Jovetic, che a luglio 2012 era finito nel turbine del mercato (con il pericoloso corteggiamento della Juventus all’orizzonte) e la cui cessione fu rimandata di un’estate grazie al pronto intervento ancora una volta a firma di Andrea Della Valle. La questione è evidentemente attuale: la proprietà viola avrà la forza di opporsi con tanta decisione ad un’offerta per Chiesa?

Questione portiere, chance Cerofolini e Marchetti tutor: la Fiorentina ci pensa

Mercato, Gil Dias bocciato. Per l’attacco ci sono tre idee (più una)

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. alesquart_793 - 3 anni fa

    Vere tutte e 2 le cose. comunque su Mutu La storia era leggermente diversa. Fu Prandelli che mise il veto. Corvino a mercato quasi chiuso sembra lo avesse venduto alla Roma (e sembra avesse in mano Arshavin che poi andò all’Arsenal) ma l’allenatore minacciò le dimissioni. E si bloccò tutto. Ma da lì cominciò il dissidio tra proprietà (che usavano il DS come braccio armato contro Prandelli) e l’allenatore. Il resto è storia. Su Jovetic, beh Andrea in quel momento comandava. Poi….ciaooooo. Sul FPF. La dico brutta, vorrei avere un presidente con le capacità di De Laurentiis.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gianluca - 3 anni fa

    Allora si poteva, da un po’ di anni con le regole Uefa non puoi più obbligare nessuno a restare per ovvie ragioni di bilancio, e non parlo solo di Fiorentina, credo che il casino Milan abbia finalmente aperto gli occhi anche a quelli che ritenevano “favolette” le storie sul FPF. Se invece non hanno ancora aperto gli occhi gli auguro buonanotte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. 1926 - 3 anni fa

    Un’era fa. Oggi NON sono piú la prorietá della Fiorentina

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy