Sousa, Pasqual e il “frontale” con la realtà

Sousa, Pasqual e il “frontale” con la realtà

Comunicazione. Una parola che in, anzi, nella Fiorentina genera sempre qualche imbarazzo. Fin qui Sousa si era tagliato fuori da queste difficoltà. Ma con Pasqual…

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Comunicazione. Una parola che in, anzi, nella Fiorentina genera sempre qualche imbarazzo. Fin qui Sousa si era tagliato fuori da queste difficoltà. Proprio questo infatti sembrava essere il piatto forte della sua casa. Il prodotto che è uscito fuori per una stagione, sotto forma di conferenze, selfie coi tifosi nel prepartita, pacche sulle spalle e strette di mano a tutti gli inservienti dello stadio, col tempo ha presentato qualche inevitabile lacuna. E’ umano, nessuno è perfetto. Lo sanno bene Guerini e soprattutto Pasqual. Manuel oggi è uscito allo scoperto, con eleganza ma colpendo col fioretto. Non gli è stato comunicato da Sousa il perché la fascia di capitano è finita su un altro braccio e nemmeno gli stato detto che non rientrava più nel progetto tecnico. O meglio, è stato fatto da Andrea Della Valle, lo stesso che solo un anno e mezzo fa si oppose alla sua cessione perché lo considerava più di un giocatore.

 

“Su Pasqual io ho dato la mia valutazione, le decisioni le prende il Presidente Cognigni” aveva detto a Sky il tecnico nel post partita contro il Palermo ribadendo il mantra che riconduce tutto al Presidente Esecutivo. In collegamento c’era anche Pasqual. Il gelo. Oggi, in maniera velata ma un pizzico allusiva, è stata fatta chiarezza. Sousa ha fatto intendere alla società di volere altro. Legittimo, ma forse sarebbe stato meglio dirlo a quattrocchi a chi per undici anni ha rappresentato la Fiorentina, anche per volere del club. Un po’ come, forse, sarebbe stato più corretto parlare con Guerini e non mettere nelle mani di Ripa il cartello di divieto di accesso al campo da mostrargli. Di “frontale”, a questo punto, resta solo quello che ha fatto Manuel con la realtà quando ha appreso di dover lasciare la Fiorentina.

 

VIDEO VN: Pasqual, la fascia e il rapporto con Sousa: “Non mi ha detto le cose in faccia”

14 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. London2013 - 4 anni fa

    Con tutto il bene che voglio a Pasqual …. come uomo ( da giocatore in 11 anni abbiamo visto
    un giocatore medio per un 1,5 campionati su 10 e una fase difensiva Preoccupante ! ).
    Per favore niente paragoni con i vari Totti , Maldini ( giocatori veri anche a 40 anni ) che sono
    di livello oltre ogni immaginazione per il buon Manuel.
    Il ruolo del mr. é dire alla societá che quando manca il titolare ( Alonso, infinitamente superiore al 23 )
    ci vuole un sostituto all’ altezza e non una figurina : e lui questo ha fatto, a ragione.
    Ho subito l’ addio di De Sisti, Bati, Baggio e della “Luce” della mia infanzia …. con tutto il rispetto
    per l’ uomo e il professionista ….. in bocca al lupo a te Manuel Pasqual ma adesso basta
    dichiarazioni contro chi ti ha sempre pagato puntualmente.
    Marco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Luismi - 4 anni fa

    Bravo Silvio sono d’accordissimo con te.
    Souza e un grande…FORZA VIOLA.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. silvio - 4 anni fa

    ma quale bandiere–di bandierine c’è ne sono tante,bene ha fatto sousa,via 5-6 giocatori e dentro altri 5-6,lui ha le p…e,deve cambiare la mentalità di firenze-sono 60 anni che non si vince nulla,lui si è messo in gioco,via tutte le figurine che creano confusione nella viola SOUSA è UN GRANDE CON UNA MENTALITà VINCENTE FORMATO CON LA JUVE E CON QUESTA MENTALITà FORSE RIUSCIREMO A VINCERE UN TROFEO—

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Larry_Smith - 4 anni fa

      Adesso anche i tifosi viola (?) si dimenticano lo scudetto del 69, per non dir di coppe italie e mitrope

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ELROND - 4 anni fa

    ELROND IL CHIAROVEGGENTE DICE:

    “Io l’avevo detto.
    Ho passato anni a sgolarmi DA SOLO in curva CONTRO QUESTA PROPRIETA’.
    Ora i fatti fanno eco alle parole del Saggio ELROND, mentre i soliti noti continuano a farfugliare robe senza senso.”

    VOTO ALLA POST-PREMONIZIONE: 10+ Illuminante e semplice, ma non banale, per le menti complesse; oscuro e incomprensibile per gli stolti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Dellone68 - 4 anni fa

    Mah a me pare che molti, compreso i nostri giornalisti, abbiano già deciso che anche Sousa debba andarsene. Siamo di fronte alle affermazioni di una parte in causa che, seppure fatte da un ragazzo serio, un professionista vero, uno che non si è mai montato la testa ed ha dato molto per questa squadra (auguri a Manuel per il suo futuro) è pur sempre una parte in causa. L’altra parte è già stata condannata ancor prima di sentirla, se mai qualcuno dovesse provarci. Mi sa che stiamo commettendo l’errore di scivolare troppo nelle vicende interne dello spogliatoio. Se andiamo avanti così non inizieremo neppure la stagione. Io su questo non faccio commenti. Mi limito a dire che è un bel casino. Purtroppo continuo invece a pensare che la colpa sta sempre nel manico. Quando il manico non funziona, non si riesce ad acchiappare bene le cose. Infine, forse un pò fuori tema, cercherei di ricordare com’era finita l’avventura di Corvino a Firenze. In maniera imbarazzante. Che ora debba tornare qua mi pare un’altra cosa imbarazzante. Se non si crede nel lavoro del DS attuale lo si mandi via e se ne prenda un’altro che qua non ci ha mai messo piede. E’ sempre il manico…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Barsine - 4 anni fa

    è molto interessante il fatto che da quando Paulo Sousa ha deciso di rimanere alla Fiorentina e di sposare il “progetto” di Cognini e co. improvvisamente su questo sito sono comparsi solamente COMMENTI NEGATIVI sul nostro tecnico.

    Da eroe della squadra, da baluardo della Antibraccinità improvvisamente tutti oggi lo infamano e lo deridono come se fosse l’ultimo dei cretini della famosa cena.

    Interessante come quando settimane e settimane fa quando qualcuno si azzardava a dire che il nostro allenatore mostrava lacune tattiche e gestionali veniva additato come un “difensore dei braccini, Vate Sousa non si tocca” e oggi invece improvvisamente (per altro dopo una sonora vittoria contro la corazzata Lazio aka #vogliofarelaciampionsMinkiovicSavicdixit) Vate Sousa è diventato FESSO SOUSA.

    Veramente strano come il bianco diventi nero e il nero diventi bianco. Mi piacerebbe un giorno vedere Gnigni che urla contro i Della Valle ed essere finalmente preso a Campione da tutti gli eroi scrittori di questo sito!!! Che giorno Gnigni che giorno ci regalerai! #minkielliscoming!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. max688 - 4 anni fa

      scusa ma l’allenatore del girone di ritorno INDECOROSO era un’altro? Soza aveva delegato anche questo visto che non reputava soddisfacente la situazione? Faremo i conti a novembre e vedremo se era fesso chi lo voleva sostituire o chi lo difendeva.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Fabio50 - 4 anni fa

      Soprattutto Bucchioni sembra che abbia qualcosa di personale contro Sousa, a me piace molto, però non mi fo illusioni, a fine stagione, quando avrà capito che nulla è cambiato, non rinnoverà.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Ken Follet - 4 anni fa

    Sono sempre più convinto che questa società è tutta da rifondare, dalla proprietà ai giocatori.
    Diremmo le stesse cose di sempre analizzando le responsabilità che, a questo punto è dimostrato sono di tutti.
    E’ venuto anche a noia farlo, società di dilettanti, giocatori con poca qualità, allenatore imbarazzante e tifosi con i difetti, io per primo, di tutti i tifosi.
    Arrivare ad Agosto sarà lunga.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Ivan - 4 anni fa

    Per sousa che peso hanno Guerini e gli 11 anni di Pasqual? Nullo. Guerini resta un dirigente senza alcun potere decisionale relegato ad un ruolo marginale che si è ritrovato in sede e Pasqual un terzino a fine carriera. A parte una certa freddezza il rapporto di Sousa con le due figure resta consono ai propri obbiettivi.
    Dovrebbe esserci una società a far capire al neo allenatore, l’importanza di chiamarsi Pasqual fuori e dentro lo spogliatoio e il significato della presenza di Guerini.
    Altrimenti l’allenatore come giusto che sia fa il bello e il cattivo tempo. Comunque Sousa è molto furbo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Claudio50 - 4 anni fa

    ALLA RUBEN NON SAREBBE MAI SUCCESSO COMANDA LA SOCIETA’ E NON L’ULTIMO ARRIVATO E ANCHE CON MOLTE LACUNE. SEMPRE FORZA VIOLA SE SON ROSE FIORIRANNO, INTANTO FA VENIRE SOLO IL MAL DI STOMACO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. plcapi - 4 anni fa

      Infatti alla Juventus Del Piero (uno a caso, insomma) ha saputo che non gli avrebbero rinnovato il contratto perchè monociglio agnelli lo comunicò all’assemblea dei soci prima di dirlo al lui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barsine - 4 anni fa

        shhh non glielo ricordare che piangono ancora per l’addio al #gabitanocèsoloungabitano!!!

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy