Sconcerti: “Fiorentina impaurita in campo. I giocatori hanno paura di essere giudicati”

Sconcerti: “Fiorentina impaurita in campo. I giocatori hanno paura di essere giudicati”

Il giornalista Mario Sconcerti parla del momento viola

di Redazione VN
Mario Sconcerti

Nel filo diretto con gli ascoltatori di Radio Bruno, Mario Sconcerti ha commentato e analizzato il momento della Fiorentina: “Balotelli? Non sta giocando perché in conflitto con l’allenatore, in una società è dovere farsi un elenco, e mancando un attaccante è normale sondare i nomi disponibili. Ha quasi 30 anni e uno stipendio fuori portata dai parametri della Fiorentina, capisco sia un nome che affascina ma non è un giocatore che fa al caso nostro perché svaluterebbe il valore di Simeone. Il Cholito ha segnato gli stessi gol (4) di Higuain e più di Belotti su azione”.

Sul gioco viola: “Quest’anno abbiamo meno palleggio e complessivamente meno tecnica: manca chi dà qualità al nostro palleggio, e in questo conta tanto aver scommesso su Veretout in mezzo. Il francese è il migliore tra quelli che abbiamo, ma è una mezz’ala che sa giocare in verticale e non un regista. Ma la squadra è lunga in campo, impaurita, lenta, che non si prende responsabilità. Gioca ‘alla Norgaard’, senza prendersi rischi e il problema che ha attanagliato Simeone è lo stesso che hanno sofferto altri 7-8 giocatori. La Fiorentina combatte, ma ha paura di essere giudicata: ha dato il meglio contro squadre migliori di lei, ma giocando bassa non riesce a supportare le tre punte, infatti ci sono tanti spazi vuoti in mezzo al campo”.

Su Mirallas: “Ha avuto due anni complicati, dove giocato poco e segnato poche reti. Ma è andato anche in doppia cifra in campionati importanti. Avere Mirallas come quarta punta è un lusso, peccato che ci stia mancando il terzo, Pjaca, e qualche gol di Chiesa e Simeone. Il problema dunque è a monte: ossia al minor palleggio che la Fiorentina offre quest’anno”.

Sul centro sportivo giovanile: “E’ un bel segnale per i Della Valle verso la città, ma sono cose necessarie e forse fatte con ritardo visto che già tante squadre lo possiedono già. Ma quando ci sono immobili di mezzo sono soldi veri, investimenti che restano”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Ceccherini: “Eravamo tesi, la vittoria con l’Empoli ci ha sciolto. Milan? Abbiamo voglia di rivalsa per l’EL tolta”

Sette mesi tra panchina e tribuna. E ora Montolivo ha la chance Fiorentina

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy