Scanagatta: “I Della Valle non ne possono più… Il lavoro di Corvino è un boomerang”

Le opinioni espresse a Radio Bruno sulla proprietà viola

di Redazione VN

Arrivano anche le parole del giornalista Ubaldo Scanagatta nel corso del Pentasport di oggi. Ecco le considerazioni sui Della Valle e sull’operato di Corvino:

“Dai Della Valle non so mai cosa aspettarmi. L’autofinanziamento di Corvino non ci ha danneggiati se non a livello di immagine, ma è proprio questo livello che rischia di tornare come un boomerang e deprezzare i giocatori in uscita.

Summit di oggi? Perdente in partenza. Magari hanno stabilito situazioni e condizioni in vista di fine maggio, allora potrebbero essere “autorizzati” a non dirci nulla e a non promettere niente, ma basta che poi facciano qualcosa. Rimandare invece la decisione vorrebbe dire che non possiamo fare nessuna trattativa, perché Corvino è in dubbio e non c’è ancora nessuno al suo posto. Forse non c’è nemmeno modo di mandarlo via, perché conosce ormai vita morte e miracoli.

I giocatori per primi non capiscono più nulla. Da un lato devono convincere Montella del loro valore, dall’altro devono convincere Corvino o chi per lui che è redditizio venderli.

La mia impressione è che i Della Valle non ne possano più, ma che abbiano difficoltà a trovare un acquirente. Potrebbe essere che Corvino debba restare per vendere Chiesa, e poi lasciano tutto ad un nuovo proprietario, per un progetto più sano, che risolva le questioni che ci trasciniamo da anni, come lo stadio per esempio”

vnconsiglia1-e1510555251366

De Magistris su Antognoni: “L’unico che capisce di calcio ma non ha partecipato al summit”

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 2 anni fa

    Concordo con quanto detto da altri e riassumo:
    se la questione stadio (o meglio cittadella con i conseguenti ritorni commerciali) si sbloccasse definitivamente il valore della Fiorentina aumenterebbe notevolmente, per cui, in attesa perché vendere a meno?
    Di sicuro non ci rimetteranno neanche 1 euro, l’autofinanziamento e la ricerca di plusvalenze proseguirà senza sosta, a loro basta non scivolare in serie B perché inciderebbe sul valore di vendita.
    Possiamo contestare, dobbiamo contestare, ma i DV (che a Firenze si fanno vedere poco o nulla) non si smuoveranno da questa posizione. Forse bisognerebbe cambiare obbiettivo: fare pressione forte sul Comune, perché ai politici di quello che pensiamo importa, delle nostre contestazioni interessa (sempre e solo per motivi di potere, ma a loro i voti interessano, mentre ai DV quanti siano gli inc….ti non cambia nulla). Non accontentiamoci di vaghi “abbiamo fatto tutto il necessario” che nasconde tutti i problemi legati ai ricorsi al TAR e di un governo che non appoggia l’idea di un nuovo aeroporto e nuovo stadio (situazioni parecchio legate tra loro).
    Questa è la realtà nella quale siamo, non ci resta che sperare che qualcuno decida definitivamente per lo stadio, che sia un si o un no. Solo questo potrebbe sbloccare la situazione, quindi per favore, fate presto perché a Firenze non ne possiamo più.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ben hur - 2 anni fa

    Dio volesse.. si levassero dai tre passi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. filippo999 - 2 anni fa

    appunto…per farli smuovere , è bene continuare a contestarli
    senza soluzione di continutà…altrimenti , fosse per loro , ci terrebbero
    a metà classifica per lustri…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Kewell - 2 anni fa

    Non ne possono più ma perseverano in attesa della questione stadio che potrebbe far aumentare il valore della fiorentina vertiginosamente. Nel frattempo si pigliano le offese a km di distanza, che quindi li infastidiscono fino ad un certo punto, e continuano a non metterci una lira, quindi non hanno alcuna fretta di vendere.
    L’acquirente al giusto prezzo si trova ma non è una loro priorità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. user-14014713 - 2 anni fa

    Al contrario! Siamo noi ad avere il diritto di non poterne più! Verso la Fiorentina abbiamo più amore noi fiorentini in un unghia, che i Della Valle in due anime rimesse insieme! Chi contesta ha ancora più amore di chi non ce la fa a contestare! Più che una piazza calda,siamo una delle poche tifoserie passionali rimaste! Che Dio ci liberi presto da questa tortura!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user - 2 anni fa

    Figuriamoci noi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy