Pres. Architetti sul Franchi: “Non dobbiamo dimenticarci di Nervi. Sbagliato avere un atteggiamento superficiale”

Pres. Architetti sul Franchi: “Non dobbiamo dimenticarci di Nervi. Sbagliato avere un atteggiamento superficiale”

Le parole di Duilio Senesi

di Redazione VN
stadio-Franchi

Duilio Senesi, presidente dell’ordine degli architetti di Firenze, è intervenuto al Pentasport di Radio Bruno per parlare dell’accesa questione Stadio:

Dobbiamo ricordarsi chi è stato Pier Luigi Nervi, che senza i calcolatori di adesso è riuscito a costruire un monumento, il restauro è necessario ma serve il rispetto verso una persona unica come è stato Nervi. Firenze è una città metropolitana, tutti i suoi undici comuni fanno parte di Firenze, dobbiamo uscire da questa mentalità provinciale, l’unico problema di costruire lo stadio “fuori” Firenze resterebbe solo il futuro della zona di Campo di Marte. Legge sugli Stadi Comunali (LEGGI QUA)? Non so se la soluzione legislativa sia la migliore, ma ricercare un punto di equilibrio tra le esigenze tutelari e il futuro del Franchi, è il punto fondamentale da cui partire. Non possiamo avere un atteggiamento superficiale, serve approfondire tutti i temi per esprimere un giudizio adeguato senza farsi trascinare dalle emozioni

Esiste già un precedente per la Fiorentina contro l’Udinese a “porte chiuse”

Badelj torna in cabina di regia. Il croato si gioca la conferma in maglia Viola

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. el_sup - 4 mesi fa

    dopo 20 anni un “un giudizio” se lo saremo fatti?
    o no?
    a Sene’!
    ma che stà a ddì?
    che sei presidente de panettieri?
    se nn avete approfondito voi…
    e siamo messi bbene de nniente…
    (volutamente in romano pe’ fa’ capì che tutta italia è paese….)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Ricky - 4 mesi fa

    allora tirate fuori i soldi per la manutenzione…perché se deve essere un monumento solo per la vostra casta e non uno stadio funzionale ..è giusto che non paghino i cittadini…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. el_sup - 4 mesi fa

      i soldi nn li deve tirar fuori lui…è il presidente degli archibugi…
      casomai è criticabile non poco la risposta e l’atteggiamento:
      dopo decenni che se ne parla, un ordine professionale, che dovrebbe essere di molto competente in materia, se non il più competente, avrebbe dovuto esprimersi in maniera appunto compentente e tecnicamente ineccepibile,
      abbiamo un università di architettura, 10.000 architetti che ‘un sanno cosa fare (tranne i soliti noti), tecnici alla soprintendenza che sono + topi da biblioteca che tecnici utopisti sognatori….
      l’approfondimento era ed è dovuto,
      sennò a che serve un ordine come quello? a risquotere la quotina oggni anno e a obbligare architetti 70 enni a fare corsi di formazione sponsorizzati su tempi ridicoli e surreali…
      Un vero ordine professionale doveva stimolare studi di fattibilità, tesi universitarie, valutazioni di costi e alternative, etc erc . in piena autonomia e senza influenze di nessun tipo.
      invece appena assumi una carica qualunque, in italia, parli subito come un politico cercando di non sbilanciarti e con l’attenzione a non pestare i piedi a questo o a quello…
      aspettando che gli incarichi vengano dati ai soliti noti personaggi e non sempre limpidi, spesso con grembiuli, cappucci e una rubrica telefonica lunga e importante che si faranno pagare fior di quattrini godendo attimo per attimo dei ritardi burocratici che gli faranno aumentare il fatturato…
      amen.
      ah! les italiens.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. el_sup - 4 mesi fa

        dopo essermi riletto posso anche aggiungere vergognandomi:
        ah! L’italiano,
        ah! le virgole.
        Voto 5
        Il concetto generale però si capisce.
        Quindi, voto tra il 5 e il 6.
        Meglio di Dalbert e Pezzella messi insieme (cor Milan).

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Valter - 4 mesi fa

    Lo stadio non è un soprammobile fine a se stesso e non è neanche un monumento come il colosseo.
    Lo stadio deve asservire ad uno scopo ben preciso e la sua struttura deve rispettare dei canoni minimi di sicurezza e confort.
    Lo stadio è vecchio e in cattivo stato, per queste importanti ragioni lo stadio deve essere ammodernato e reso più sicuro al pari dei migliori stadi europei.
    90 anni fa lo stadio di Firenze poteva essere un buon esempio per tecnologia e struttura, adesso è obsoleto e in cattivo stato dato dall’usura del tempo.
    Lo stadio deve essere ricostruito con tutti quei parametri necessari.
    All’interno del nuovo stadio moderno dedicheremo una stanza con plastico e documentazione varia per ricordare il vecchio stadio.
    Punto e basta.
    Serve uno stadio nuovo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Nicco - 4 mesi fa

    Ma vai te e nervi siamo nel 2020 abbandona la preistoria

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Lore97 - 4 mesi fa

    Grandissimo il Nervi, ma se sapesse che oggi il suo stadio è schifato dalla maggior parte dei fiorentini e da quasi tutti i tifosi ospiti che vengono a vederci le partite sono sicura che da persona seria e matura qual era non farebbe questo ostruzionismo e darebbe il suo consenso ad un restauro vero di questo impianto fatiscente. Le recenti riprese ed immagini uscite in questi giorni ne sono l’ennesima dimostrazione

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy