Pioli, allenatore grazie a Ranieri. Ma ora c’è il caso Parma da vendicare

Pioli, allenatore grazie a Ranieri. Ma ora c’è il caso Parma da vendicare

Pioli è diventato allenatore grazie a Ranieri: pochi sentimentalismi, adesso c’è una stagione da salvare

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Era l’estate del 1993 quando Claudio Ranieri diventava l’allenatore della Fiorentina. Raccolse le macerie di una squadra appena retrocessa e seppe guidare la truppa alla vittoria del campionato di Serie B. In quella squadra c’era Stefano Pioli, insieme a Batistuta, Beppe Iachini e all’amico fraterno Daniele Carnasciali. “Stefano era un leader, sempre attento e concentrato. Dava sempre il massimo per sé e per la squadra” ha raccontato di recente l’attuale allenatore della Roma. E mentre lui notava queste qualità, Pioli cominciava a valutare l’idea di diventare allenatore un giorno. E così è stato. Il suo modello, lo ha ribadito più di una volta, è stato proprio Ranieri.

Domani sera si ritroveranno, sicuramente si abbracceranno e magari scambieranno una battuta su quanto tempo è passato da quando lavoravano insieme a Firenze. Oppure ricorderanno il febbraio 2007: Pioli venne esonerato da Parma, al suo posto arrivò il maestro che grazie anche ad un giovanissimo Giuseppe Rossi conquistò la salvezza. Oggi il Sir o Sor Claudio sta guidando una nave in pieno naufragio, le emittenti radio e i quotidiani si affannano nel cercare la ricetta giusta per riportare la calma in una piazza che oggi è una polveriera. E pare che, in caso di sconfitta, lui possa lasciare. I giallorossi inseguono la Champions, e contro la Fiorentina hanno subita la più umiliante sconfitta della loro carriera: quel 7-1 in Coppa Italia. Dall’altra parte Pioli, che ha già deciso di portare Montiel e Vlahovic all’Olimpico, fa le prove in vista della semifinale di ritorno di Coppa Italia in programma il prossimo 25 aprile. Momenti diversi, entrambi delicati. Il tempo dei saluti è dovuto, ma sarà breve. C’è una stagione da salvare sullo sfondo e per Pioli quella macchia di Parma, la sua città, da cancellare.

Violanews consiglia

Hancko e Norgaard: oggetti non identificati in cerca di spazio

Dopo Vlahovic-Montiel, adesso è Firenze a gridare: “Largo ai giovani”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy