Pini (dir. La Nazione) e l’intervista a Rocco: “In questo anno Commisso ha capito tante cose…”

Agnese Pini, giovanissima direttore de La Nazione, è stata tra gli ospiti del Pentasport per parlare del presidente gigliato

di Redazione VN

Il direttore de La Nazione, Agnese Pini, è l’autrice dell’interessante intervista a Rocco Commisso uscita sul quotidiano quest’oggi e proprio per questo è stata interpellata poco fa dal Pentasport di Radio Bruno per parlare dell’imprenditore americano e proprietario della Fiorentina:

Il patron viola non usa mai come sua consuetudine mezzi termini e talvolta utilizza espressioni dirette e forti per cercare di arrivare all’obiettivo. Di sicuro in questo anno e poco più di storia con la Fiorentina e Firenze ha capito tante cose, non solo della nostra città, ma anche del calcio e del sistema-Italia più in generale. L’ormai sua famosa provocazione fast fast fast è praticamente un ricordo, ha compreso anche lui che in Italia le cose non è che si fanno slow, non si fanno proprio… E tutto questo qui da noi non riguarda solo il nuovo stadio o il rifacimento del Franchi, ma anche tante altre situazioni. Anche il suo rapporto con la città, che un anno fa lo vedeva come il salvatore della patria, nel tempo si è modificato.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Eziogolgobbo - 6 giorni fa

    Ezio non dire parolacce…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Eziogòl - 6 giorni fa

    Mah.. secondo me non ha capito nulla.. Perchè, per esempio, non ha lasciato Montella negli spogliatoi di Cagliari ed ha chiamato IMMEDIATAMENTE RINO GATTUSO???? Per dirne 1, ce ne sarebbero altre 245582o

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Up The Violets - 6 giorni fa

      Motivazioni strettamente tecniche: “perché prende un milione e otto, okkey?”

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Eziogòl - 6 giorni fa

        Mahh. Per spenderli a cazzo,i soldi ci sono sempre. Quando servirebbero pel salto vero di qualità un ci sono mai

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy