Pedro, dopo il rimprovero è tempo di inchino

Pedro, dopo il rimprovero è tempo di inchino

La Fiorentina aspetta Pedro, che contro il Cittadella ha una buona occasione

di Redazione VN

Nella gara contro il Cittadella, anche se a gara in corso, ci si aspetta una risposta concreta e forte da Pedro, come fece Vlahovic in agosto contro il Monza. Come riporta il Corriere dello Sport, il brasiliano non si è fin qui praticamente mai visto, se non qualche partita in Primavera e pochi minuti in Serie A. Dopo il rimprovero di Montella, che gli chiedeva di stare maggiormente in area, in Coppa Italia il ragazzo ha la possibilità di far iniziare nuovamente il suo percorso, magari con uno dei suoi proverbiali inchini, per dimostrarsi una risorsa importante per la squadra, e magari anche per la Nazionale Brasiliana.

 

Montella-Cittadella, una rima da dentro o fuori: senza leader né bonus, giocano i titolari

 

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-14380403 - 2 giorni fa

    Mahhhhh … a me sembra la brutta copia di Bonazzoli …. per me è un bidone …. lento, scoordinato e con un tiro pessimo da fuori area …. forse bono di testa, ma come lui si trovano tanti in giro …. niente di che

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Tofa67 - 2 giorni fa

    Tra 2 mesi saremo a parlare di altro,perdonali Pedro, purtroppo sul tuo cammino hai trovato Vincenzino…….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Xela - 2 giorni fa

    montella ha giocato con pedro, vlhaovic e boateng che si pestavano i piedi mentre ghezzal faceva l’esterno di centrocampo col piede invertito. non arrivava un pallone a pagarlo. ovvio che andasse a cercarlo fuori area.
    purtroppo abbiamo una vera zavorra in panchina

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Bobby Caponata - 2 giorni fa

    Non sta in area perchè non è uomo da (sola) area.. e poi quando è entrato lui l’area è sempre stata densamente popolata. Montella limiti le fuoriuscite di parole… Non è il momento, sappiamo che sta attraversando un momento di confusione e in questi casi il silenzio è d’oro.
    Dobbiamo arrivare in fondo insieme per poi affidare la squadra al titolare della panchina. Faccia il supplente fino a giugno e cerchi soltanto di limitare i danni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy