Astori, chiuse le indagini: due medici accusati di omicidio colposo. La tragedia si poteva evitare

Astori, chiuse le indagini: due medici accusati di omicidio colposo. La tragedia si poteva evitare

Secondo la procura, la tragedia si sarebbe potuta evitare

di Redazione VN

La procura di Firenze ha chiuso le indagini sulla morte di Davide Astori. Sono accusati di omicidio colposo i due medici che hanno certificato, tra il 2014 e il 2017, l’idoneità all’attività agonistica del calciatore che prima di approdare alla Fiorentina ha giocato nella Roma e nel Cagliari: il medico della medicina sportiva di Cagliari Francesco Stagno e il collega della medicina sportiva di Careggi Giorgio Galanti. Lo riporta repubblica.it. Ai due medici gli inquirenti attribuirebbero la colpa di aver violato i “protocolli cardiologici per il giudizio di idoneità allo sport agonistico”. La morte improvvisa del calciatore sarebbe stata originata da una “cardiomiopatia aritmogena diventricolare” tale da determinare il decesso improvviso di Astori. Per la procura se la patologia fosse stata diagnosticata mentre si trovava in una fase iniziale ciò avrebbe consentito di interrompere l’attività agonistica di Astori e tramite la prescrizione di farmaci di rallentare la malattia e prevenire l’insorgenza di ‘aritmie ventricolari maligne’.

vnconsiglia1-e1510555251366

Da Taccola ad Astori, quando la morte colpisce in diretta

 

Oggi la messa per Astori: ci saranno Andrea e Diego Della Valle, presenti anche altri 3 club

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 7 mesi fa

    Ma alla Roma non ha fatto visite mediche?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Flock - 7 mesi fa

    Non voglio essere superficiale, ma bisognerebbe sapere quanti sportivi hanno avuto evidenze analoghe o peggiori e non gli è successo niente. Mi pare strano che 2 medici possano essere così spregiudicati

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. batigol222 - 7 mesi fa

      Infatti, credo siano cose che capitano 1 caso su tanti (ma tanti). Non puoi prevedere tutto, ci sono casi eccezionali come questo. Non puoi interrompere l’attività agonistica al minimo segno di cui forse 1 su 10.000 che ha quel segno potrebbe avere un risentimento del genere.
      E’ tragica ma succede, la vita comprende la morte e non si può evitare tutto

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Sbroz - 7 mesi fa

    Mah.
    Lungi da me dare giudizi di merito, ma nei casi come questo, dove si vanno a sommare fra di loro causalità omissiva e colpa, per lo più, generica, ravvisare e poi accertare responsabilità penali è concretamente sempre un po’ complesso.
    Onestamente appare più un colpo della Procura per stare un po’ sui giornali.
    Poi magari mi sbaglio, ma la sensazione sembra più questa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy