Pioli: “Sanchez al posto di Badelj. Rinnovo Chiesa un segnale, l’obiettivo è crescere, non vincere”

Le parole di Pioli alla vigilia di Spal – Fiorentina, tanti i concetti esaminati dal tecnico viola

di Redazione VN

Da Coverciano – il Franchi ospita oggi la nazionale italiana di Rugby – il tecnico viola Stefano Pioli parla dalle 14.15 alla vigilia di Spal-Fiorentina:

“Non possiamo più parlare delle due sconfitte arrivate contro Crotone e Roma, abbiamo lavorato molto durante la sosta e abbiamo preparato bene questa partita dal quale vogliamo tornare con un risultato positivo. La squadra è consapevole di ciò che può mettere in campo, abbiamo una nostra identità ma nelle ultime due uscite non lo abbiamo dimostrato per 95 minuti. Siamo una squadra nuova e giovane, è normale che si possano certe situazioni non perfettamente codificate e continue. La sosta è stata utile per lavorare, ma è altrettanto vero che le nazionali ci hanno tolto 12-13 giocatori. Cerchiamo di lavorare per crescere e migliorare, per disputare partite al massimo ma non è detto che troveremo sempre continuità. Adesso non avremo più soste fino al 6 gennaio, la valutazione sarà più completa in quel momento.

Mercato? Stiamo cercando di costruire basi importanti e solide da migliorare in futuro per ottenere risultati sempre migliori, l’obiettivo di quest’anno è migliorare i giocatori che ci sono in rosa fino alla sosta e questo ciclo di partite ci permetterà di farlo, non quello di vincere. Sono felice per il rinnovo di Chiesa, è il segnale che si vuole costruire qualcosa di importante nel presente e nel futuro. Anche lui come tutta la squadra può avere momenti alti e bassi come è normale per la sua giovane età. Do fiducia ai giocatori che ci danno garanzie, Federico sta giocando in maniera convincente e può crescere ancora tanto. Dal punto di vista fisico la squadra sta bene, non riusciremo a recuperare Badelj e Thereau ma domattina faremo un provino per vedere se portare o meno Laurini in panchina. Badelj? Giocherà Sanchez suo posto, le caratteristiche sono diverse ma lo spessore del calciatore è lo stesso.

Obiettivi? Quest’anno cercheremo di costruire le basi per le prossime stagioni e capire quali giocatori potranno fare parte di questo percorso di crescita, l’obiettivo è concreto e quotidiano ed è quello di lavorare per il futuro mantenendo la nostra ambizione e provare a vincere le partite. La cosa che dispiace è che nelle ultime partite sono stati gli errori nostri a ingigantire le prestazioni degli avversari. La Spal? Gioca un calcio concreto, ha lo stesso allenatore da tre anni e dobbiamo fargli i complimenti. Sarà importante l’approccio e l’intensità della squadra nel proporre calcio con velocità e lucidità nelle scelte”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Freitas su Pezzella: “Felici del suo rendimento, sicuri che resterà alla Fiorentina”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Lk - 3 anni fa

    Occhio che Ventura, molto simile a te mister, ha fatto una brutta fine con l’Italia.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Etrusco - 3 anni fa

    Sono tutto un fremito per l’attesa.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy