La cacciata mondiale che benedice l’avvento del Cholito

La cacciata mondiale che benedice l’avvento del Cholito

Kalinic ha confermato di essere un giocatore ingestibile, un bambino invece che un uomo. La Fiorentina, con Simeone, ci ha guadagnato sul piano tecnico e umano perché il Cholito, oltre ad essere più giovane, è anche più maturo e responsabile

di Stefano Niccoli, @stefanoniccoli3

Torniamo indietro di un anno. Fuori Nikola Kalinic, dentro Giovanni Simeone. Alcuni tifosi non erano convinti dell’arrivo del Cholito. Temevano che non si sarebbe ripetuto in una piazza esigente come quella di Firenze. La stagione 2017-18 ha dimostrato il contrario. L’argentino ha segnato quattordici gol, dannandosi l’anima in ogni partita. Il croato, invece, ha firmato solo sei reti con la maglia del suo amato Milan. Un’annata orribile per lui, caratterizzata da occasioni mancate, fischi e comportamenti non professionali. Lo scarso impegno mostrato in allenamento alla vigilia della gara col Chievo a marzo, con conseguente mancata convocazione, fece infuriare Gattuso.

L’estromissione dal ritiro mondiale della Croazia ha confermato quanto Kalinic sia ingestibile sul piano umano. Nikola ha perso la bussola, ma soprattutto l’occasione di mettersi in mostra. Con delle prestazioni positive avrebbe probabilmente convinto il Milan a concedergli una seconda possibilità. Difficile che ciò accada adesso, così com’è difficile per il Diavolo rivenderlo viste le continue bizze. Complicato trovare compratori quando un giocatore, pagato profumatamente, si comporta come un bambino.

Nel frattempo i tifosi della Fiorentina gongolano. La trattativa col Milan si è rivelata un affare a livello tecnico e umano. Comprando Simeone il club viola si è messo in casa un attaccante con ampi margini di miglioramento, motivato al massimo, più giovane, ma, soprattutto, un professionista esemplare. Va bene essere dei buoni calciatori, ma in primis conta essere uomini maturi e responsabili.

La cacciata di Kalinic dalla Russia ha legittimato la bontà dell’acquisto del Cholito.

4 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Viola di Gallipoli - 1 anno fa

    È l’effetto del lavoro di lavaggio del cervello che gli ha fatto il Milan fin da quando era ancora con noi, ed i risultati si videro già allora.

    Hanno raccolto quello che meritavano: lui andrà a giocare in una squadra di secondo piano ed i geni del Milan raccoglieranno due spicci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. MATTEO1926 - 1 anno fa

    E c’è ancora chi infama corvino….nominando i bolatti van den borre ecc..ecc…
    Senza considerare che soltanto con la vendita di uno/due scommesse poi esplose ha nettamente ripianato la spesa per i giocatori cappellati.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mannishboy - 1 anno fa

      Adesso non esagerare, dai

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. MATTEO1926 - 1 anno fa

        Perché pensi che la nostra proprietà che è abituata a 1+1=3,tenga come direttore uno che gli fa’ rimettere i soldi?

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy