Già dimenticato? Badelj fra i meno utilizzati da Iachini. Ma la Fiorentina non ha un altro regista

Già dimenticato? Badelj fra i meno utilizzati da Iachini. Ma la Fiorentina non ha un altro regista

Badelj accantonato da Iachini, con Pulgar si pesta i piedi. E se venisse rispolverato?

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Sembra quasi che sia finito nel dimenticatoio Milan Badelj. Da quando è arrivato Beppe Iachini, il regista croato è diventato uno dei giocatori meno utilizzati nella rosa. Il nuovo allenatore lo ha tagliato fuori dalla formazione titolare. Al suo posto dentro Benassi, Pulgar in regia e spazi chiusi. Vedendola così, per Badelj sarà davvero difficile ritrovare spazio in squadra. Anche perchè, da quando è tornato alla Fiorentina, non sta ripetendo le prestazioni di un anno e mezzo fa. Già, Milan sembra aver accusato un anno a scarso utilizzo com’è stato lo scorso alla Lazio. Non solo il ritmo partita non è tornato quello di un tempo, ma rispetto al passato ha commesso anche errori semplici in fase di impostazione che hanno ricordato i suoi primissimi mesi di Serie A. Fino ad oggi Iachini lo ha utilizzato 5 minuti contro l’Atalanta e 56 in Coppa Italia contro l’Inter.

Giocare a calcio però è come andare in bici: una volta che lo sai fare, non lo dimentichi. Iachini ha ribadito più volte che lui e Pulgar si pestano i piedi, che uno esclude l’altro. Non più tardi di ieri, l’allenatore ha anche chiesto al gruppo di alzare il livello della qualità delle prestazioni. Per riuscirci non è da escludere che proprio Badelj possa essere rispolverato. Difficilmente sarà titolare a Genova contro la Sampdoria, ma l’allenatore sa bene che in rosa l’unico pronto all’uso per creare gioco è proprio lui. Il futuro di Milan sarà deciso a fine stagione, Pradè lo ritiene un leader dello spogliatoio e difficilmente se ne priverebbe. Certo, uno sconto da parte della Lazio aiuterebbe. Si vedrà, prima c’è il campo. E Badelj ha una voglia matta di dimostrare che il suo apporto lo può dare anche, anzi, soprattutto in campo.

 

6 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. LupoAlberto - 4 mesi fa

    Mi sa che fino a quando non avremo ritrovato fiducia vedremo molti lanci a scavalcare la parte di campo dove dimostriamo di avere meno qualità: sabato abbiamo avuto almeno 5/6 palle per possibili ripartenze regolarmente regalate alla difesa.
    Se almeno una ci avesse permesso di andare sul 2 a 0 probabilmente la partita cambiava (anche se l’andata dice che forse non sarebbe bastato).
    Vediamo cosa succede mettendo Duncan, anche se Pulgar ha dimostrato che nelle difficoltà invece di reagire scompare, e al momento non è di aiuto alla squadra.
    SFV

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. max59 - 4 mesi fa

    esatto: la Fiorentina non ha un altro regista. Quando io dissi che avvicinare la parola regista a Pulgar era un’eresia, fui contestato da un giornalista della vostra testata (non ricordo chi)…. poi si sono viste le prestazioni del cileno, che con Pizarro ha solo la nazionalità in comune.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Larry_Smith - 4 mesi fa

      Anche secondo me non è un regista. Badelj invece lo è e dovrebbe essere provato senza dover coesistere con Pulgar. Duncan-Badelj-Castrovilli

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. massilotti - 4 mesi fa

    Che ricominciano con Badelj? Meglio giocare in 10

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Larry_Smith - 4 mesi fa

    Io proverei Duncan-Badelj-Castrovilli. Ora come ora il centrocampo è il settore che funziona meno, ma non sempre ci possiamo salvare con il lancione lungo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 4 mesi fa

      Io addirittura metterei sia Pulgar che Badelj fuori.
      442 con nel mezzo Lirola Duncan Castro e Chiesa.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy