Gattuso, saluta il Milan: “Scelta dolorosa, ma inevitabile”. E la Fiorentina…

Gattuso, saluta il Milan: “Scelta dolorosa, ma inevitabile”. E la Fiorentina…

Gattuso ha lasciato il Milan con una lettera. Tre club lo hanno corteggiato, uno è la Fiorentina

di Redazione VN

Rino Gattuso ha deciso, la sua terza avventura con il Milan (una da giocatore, due da tecnico), è finita. Ai microfoni di Repubblica, il tecnico ha affidato il suo saluto alla società e squadra rossonera. Il quotidiano scrive anche che quest’anno Roma, Sampdoria e Fiorentina, in fasi diverse, hanno provato a corteggiarlo. Al momento è assai più probabile che Gattuso non resti a lavorare in Italia:

Decidere di lasciare la panchina del Milan non è semplice. Ma è una decisione che dovevo prendere. Non c’è stato un momento preciso in cui l’ho maturata: è stata la somma di questi diciotto mesi da allenatore di una squadra che per me non sarà mai come le altre. Mesi che ho vissuto con grande passione, mesi indimenticabili. La mia è una scelta sofferta, ma ponderata. Rinuncio a due anni di contratto? Sì, perché la mia storia col Milan non potrà mai essere una questione di soldi.

Caricamento sondaggio...

 

Violanews consiglia

Violata la clausola di riservatezza, Della Valle irritati con Commisso. Ma la volontà di vendere resta

Il pagellone dei viola in prestito: ecco chi sono i top (ed i flop) della stagione

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 6 mesi fa

    Prima di pensare all’allenatore proprietà e Direttore Sportivo NUOVI!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. alesquart_3563070 - 6 mesi fa

    La butto lì…..e se tornasse Ranieri?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchio briga - 6 mesi fa

    Niente contro Gattuso, ce ne fossero di persone come lui nel calcio..ma da quando è uscito il nome di Commisso, chiunque sia calabrese viene affiancato alla Fiorentina..mi sembrano veramente boutade..o meglio boiate. Ciao

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Etrusco - 6 mesi fa

    Gattuso come giocatore per me era immenso, come allenatore nonostante le doti nel “farsi comprendere” anche dai muri per il resto non è nulla di eccezionale. A noi servirebbe uno con esperienza internazionale e che non si vergogna di cambiare schemi e di tenere in panca i giocatori scansafatiche, ora che cambia la dirigenza magari ne arriverà uno così, l’importante è che non faccia il solito calcetto orizzontale che proprio non lo sopporto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bati - 6 mesi fa

    I miei amici milanisti ridono….ci mancherebbe anche questa jattura. Ricerchiamo il bel gioco che sarebbe già un grande successo divertirsi allo stadio. In questo senso siamo fermi alla grande Fiorentina di Montella.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. user-13899791 - 6 mesi fa

    Magari un allenatore come lui, che ti mangia vivo se non ti impegni abbastanza, non come montella

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. bati - 6 mesi fa

      io il gioco più bello della mia lunga memoria calcistica non l’ho visto con uno che mangia i vivi ma con uno bravo, guardacaso Montella.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Axel - 6 mesi fa

        Il gioco non lo hai visto con Montella ma con i giocatori che aveva in campo. Avevamo il centrocampo più forte d’Italia. Quella squadra avrebbe giocato bene anche con Delio Rossi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy