Flachi: “Ribery che fenomeno! Prima lo ammiravamo in Champions, adesso ci fa sognare”

L’ex viola sulle prestazioni di Franck Ribery e della Fiorentina in questa prima parte di stagione. L’analisi sulla gara del francese ieri sera a San Siro

di Leonardo Vignozzi, @VignozziLeonard

In collegamento al Pentasport di Radio Bruno Toscana l’ex viola Francesco Flachi è intervenuto per commentare la vittoria della Fiorentina ed il momento che sta attraversando la squadra viola:

 

“Questo ragazzo di trentasei anni ci sta ammaliando. Finora lo avevamo visto solo in Champions League e nelle grandi partite di cartello. Adesso lo stiamo scoprendo piano piano e ce ne stiamo innamorando.

Il gesto tecnico del gol? E’ difficile ma lui lo ha fatto con una semplicità incredibile. La cosa più bella è stato il tiro e dove è andato a mettere il pallone per il ko del Milan. Lui è in grado di fare queste cose con grande naturalezza ed è arrivato qui calandosi a pieno nella parte e nella squadra viola. Non è una cosa da tutti, non so se tutti sarebbero in grado di fare una cosa simile. Grazie a Ribery ed a giocatori come lui ti torna la voglia di vedere una partita del campionato italiano.

Quando poi esce si nota la differenza della sua presenza in campo. Quando il francese è in campo riesce sempre a dar appoggio ed essere il punto di riferimento della squadra. Su Pedro non ho dubbi del mio valore ma ad esso faccio fatica a trovargli un posto tra i titolari, vista anche la grande affinità tra Chiesa e lo stesso Ribery”.

 

Garra, esperienza e solidità: Caceres, il pallino di Pradè, è già il motivatore della difesa

Zenga: “Montella era in discussione, ma la Fiorentina è nuova. Applausi a Ribery? Ai miei tempi…”

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy