Di Livio: “Rinunciai a tre milioni per la Fiorentina e ne sono fiero”

Di Livio: “Rinunciai a tre milioni per la Fiorentina e ne sono fiero”

L’ex capitano viola parla della scelta di non aver abbandonato la Fiorentina

di Redazione VN

Angelo Di Livio, ex capitano della Fiorentina, ha rilasciato un’intervista al sito de Il Corriere della Sera: “Restare in C2 con la Fiorentina è stata una scelta straordinaria per me. Ho dato il mio contributo per la rinascita di una città come Firenze che mi aveva dato affetto ed amore. Rinunciai a tre milioni? Sì è vero ma i soldi, quando hai fatto la gavetta, li guadi fino ad un certo punto. Sono contento di avere ancora un bel rapporto con la tifoseria viola”.

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ivan - 5 anni fa

    Dopo Montolivo, il peggior capitano Viola, non tanto per la sua professionalità quanto per la falsità.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Zinigata - 5 anni fa

    Grande soldatino!
    stima e affetto!

    (peccato ‘un ti si pole sentire a fare le telecronache ma ti vole bene lo stesso!)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Cicciu - 5 anni fa

    Anche se ex gobbo e giallozozzo (cioe il peggio del peggio) ti va riconosciuta una grande professionalità e attaccamento alla causa

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. GianBurrasca - 5 anni fa

    DiLivio è stato il simbolo dei gobbi per secoli ma quando è venuto da noi ha dato anima e cuore, è sceso in C2 rinunciando ai soldi (3 mln magari era il contratto che gli davano in un paio d’anni ) e non è stato ricompensato come avrebbe dovuto. Una figura cosi serie sarebbe dovuto stare in società o comunque ad insegnare nelle giovanili. DV irriconoscente.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. gianluca - 5 anni fa

    Ma dai a 36 anni rinunci a 3 milioni. Dicci chi te li ha offerti. Non so perchè (o forse si) io questo non lo posso vedere.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. tattarin_621 - 5 anni fa

    E’ stato un grande, punto.
    ex-Juve o meno gli dobbiamo rispetto e riconoscenza, si tolse maglia della Nazionale alla fine della partita con la Corea della beffa-Moreno ai mondiali del 2002 per infilarsi quella della Florentia Viola in C2.

    Nell’anno prima giocò una stagione eccezionale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gaetano - 5 anni fa

    Bisogna riconoscere a Di Livio ciò che ha affermato. Dico la verità: con Di Livio in C2 mi sentii meno triste e più fiducioso di un immediato ritorno in A. Poi non ho capito bene perché rifiutò l’incarico di osservatore per la Fiorentina, sarebbe stato un modo per iniziare da dirigente. Attualmente gli consiglierei telecronache meno rancorose verso la Viola…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy