Di Chiara: “Cutrone? Non c’era di meglio a gennaio. La società pensi prima alla squadra”

Di Chiara: “Cutrone? Non c’era di meglio a gennaio. La società pensi prima alla squadra”

Il parere dell’ex viola Alberto Di Chiara

di Redazione VN

L’ex viola Alberto Di Chiara è intervenuto a Radio Bruno Toscana:

Cutrone? Al di là del fatto che un centravanti era indispensabile, in fin dei conti mi pare di capire che il prezzo finale sia di una ventina di milioni, non l’hanno regalato. Nel mercato di gennaio non credo ci sia molto di meglio. L’analisi al giro di boa? Hai aumentato il monte ingaggi di una ventina di milioni, speso circa quindici a vuoto, sette punti in meno rispetto all’anno scorso, lo stadio è lontano, nel CS nuovo sono stati piantati solo degli ulivi. Io credo molto in questa nuova proprietà e spero si raggiungano i fasti, ma uno deve essere anche concreto e realista, mantenendo l’ottimismo. L’entusiasmo ci deve essere, ma bisogna pensare alle priorità, come la squadra: domenica c’è una partita fondamentale, c’è bisogno di punti. Non c’è niente di polemico nella mia analisi.

Cutrone via, la mamma di un bambino scrive agli Wolves: “Mio figlio vuole la sua maglia”

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Up The Violets - 3 mesi fa

    Tutto vero, bravo Di Chiara.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. AndreaViola - 3 mesi fa

    Sacrosanta verità. Cacciate il lesso vero..prima la squadra poi lo stadio

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy