Dalla nuvola di Fuksas alla prima pietra: se ne riparla nel 2018

Dalla nuvola di Fuksas alla prima pietra: se ne riparla nel 2018

Secondo Repubblica saranno lunghi i tempi per realizzare il nuovo stadio

di Redazione VN

Vi proponiamo parte di un articolo di Repubblica dove si analizzano le novità sulla costruzione dello stadio alla Mercafir:

 

Scordatevi il nuovo stadio prima del 2020. Sempreché tutto fili liscio. Dodici anni dopo la «nuvola» di Fuksas, che segnò la prima irruzione nell’immaginario fiorentino dello stadio, nell’ormai lontano 2008, gli operatori del mercato, che dovranno sostenere sulle loro spalle l’intero costo di ricostruzione del mercato generale, hanno tempo fino a fine novembre per decidere.
Poi una volta scelta Quaracchi o l’Osmannoro, secondo la tabella di marcia del Comune, scatteranno le procedure. Per prima cosa, annuncia l’assessore Lorenzo Perra, la variante urbanistica che dovrà cambiare la destinazione ai terreni e che richiederà, tra adozione e approvazione, circa un anno di tempo. Mese più mese meno.
Nel frattempo a marzo-aprile prossimi, come si è impegnata a fare, la Fiorentina presenterà il progetto definitivo dello stadio. E a quel punto, in parallelo alla procedura per la nuova Mercafir, farà un passo avanti anche quella per il nuovo stadio: il Comune convocherà la Conferenza dei servizi per approvarlo. Subito dopo, si tratti di giorni o di mesi, Palazzo Vecchio dovrà lanciare la gara del project-financing (prevista dalla legge) per affidare i lavori di realizzazione dell’impianto alla Mercafir e dell’annessa cittadella commerciale.
In pratica, tutto il 2016 e buona parte del 2017 se ne vanno per le scartoffie. Solo tra fine 2017 e l’inizio del 2018, dice il sindaco Nardella, potranno iniziare i lavori di costruzione della nuova Mercafir (…).

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy