Commisso, lo stadio e il messaggio di Ribery: adesso la priorità deve diventare il mercato

Commisso, lo stadio e il messaggio di Ribery: adesso la priorità deve diventare il mercato

Commisso insiste sul tema dello stadio, Ribery suggerisce di rinforzare subito la squadra. Qual è la priorità?

di Stefano Rossi, @StefanoRossi_

Il futuro viola è già oggi. L’ultimo passaggio è la partita contro la Spal, vincere significherebbe chiudere al decimo posto e dunque nella parte sinistra della classifica. Niente di entusiasmante, sia chiaro. Ma tant’è, dopo aver lottato per non retrocedere l’attualità della Fiorentina è queste e negarla sarebbe come buttare la polvere sotto il tappeto. Dopo la conferma di Iachini da parte di Commisso, scelta che fa discutere e divide il pubblico viola, è già il momento di pensare alla prossima stagione. Se da una parte Rocco Commisso continua a ribadire la centralità del progetto stadio (LO HA FATTO ANCHE IERI SERA), dall’altra c’è chi insiste la centralità del campo e sulla necessità di fare qualche step in avanti. Chi? Franck Ribery, naturalmente. Il campione viola, colui che ha vinto tutto in carriera e che sa come si fa.

Nel corso dell’intervista alla Rai (LEGGI LE SUE PAROLE), il francese ha chiarito come la società debba crescere. Innanzitutto sul campo, con acquisti mirati che rendano la squadra di Iachini ancor più competitiva. Sì, perché puntare da subito all’Europa è una necessità. Non è detto che allestire una squadra forte equivalga a qualificarsi per i tornei internazionali, ma non provarci nemmeno significa rinunciare all’obiettivo. Il futuro di Chiesa è il primo nodo da sciogliere, poi c’è da capire se Milenkovic rimarrà e cosa succederà con Pezzella. Infine, giusto per prendere i casi principali, soltanto uno fra Cutrone e Vlahovic rimarrà nella rosa del prossimo anno. L’inizio del prossimo campionato è dietro l’angolo, ad oggi è fissato al 12 settembre ma potrebbe slittare al 19. Gli interventi dovranno essere precisi, mirati e corretti perché il tempo di aggiustare la mira non sarà poi tanto.

Il prossimo mercato racconterà le ambizioni della proprietà, dirà chiaramente se un futuro radioso è imprescindibile dai temi stadio e nuovo centro sportivo. Pur consapevoli dell’importanza delle infrastrutture per regalarsi un futuro più solido, la Fiorentina ha la prioritaria necessità di tornare in Europa il prima possibile. L’esempio dell’Atalanta è virtuoso ed efficace: prima la squadra, poi lo stadio. Nel calcio è sempre il pallone che fa battere il cuore e l’entusiasmo della piazza si alimenta coi risultati. E’ vero che non s’è mai visto nessun turista a visitare le scale elicoidali, ma nessuno si è nemmeno mai immaginato di fare un carosello al piazzale Michelangelo per il restauro dell’impianto.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user - 2 mesi fa

    Io invece facendo una crasi direi che bisogna rinforzare lo stadio….altrimenti casca a pezzi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mcweb - 2 mesi fa

    Bravo Saverio. Si pubblicano i messaggi e poi si tolgono. Vorrei capire la ragione. Roba da matti….

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Saverio Pestuggia - 2 mesi fa

      Non ne ho la più pallida idea, non sono al computer 24 ore al giorno

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Pepito4ever - 2 mesi fa

    l’esempio dell’Atalanta è consono ma non come scrivete voi, inoltre Ribery non insiste sulla sulla squadra a discapito dello stadio, dice che ci vogliono 3-4 giocatori di spessore e come giocatore del bayern non nega certo l’importanza dello stadio, sapete quanti soldi porta lo stadio del bayern? Nel 2017 l’Atalanta ha vinto il bando per lo stadio e nel 2018-2019 si è qualificata per la champions e nel 2019-2020 lo stesso, quindi adesso che dal 2017 ha lo stadio di proprietà e l’accordo con Gewiss per 6 anni ha decuplicato gli introiti e può pagare stipendi alti ai giocatori e avere un’ottima rosa. E’ stato prima lo stadio poi la champions. Sennò col cavolo che li paghi certi stipendi senza introiti. Dove vogliamo andare con 100 milioni di fatturato? che come introiti netti tolte tutte le spese non rimangono che nemmeno 10 milioni per il mercato……volete il Franchi? ecco cosa porta il Franchi. Ci vole lo stadio della Fiorentina sennò non si va da nessuna parte.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gasgas - 2 mesi fa

      L’Atalanta ha il miglior allenatore italiano, non simpatico, ma molto bravo. Io con noi vedo subito questa differenza…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Gasgas - 2 mesi fa

      2019/2020
      Monte ingaggi Fiorentina 50 milioni
      Monte ingaggi Atalanta 36 milioni

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Pepito4ever - 2 mesi fa

        Gasgasg il suo monte ingaggi è infatti di circa 50 milioni netti non leggere 2019 leggi 2020
        https://www.calcioatalanta.it/2020/04/07/taglio-stipendi-per-la-dea-risparmi-fino-a-16-milioni/

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. Gasgas - 2 mesi fa

          E se anche fosse? Sei lontano anni luce con il solito monte ingaggi. I loro fenomeni sono tuoi scarti. La differenza lì, la fa quel signore in panchina…
          Non fatevi confondere dalle simpatie/antipatie…
          L’Atalanta è arrivata in Europa con le idee, con un meccanismo perfetto… Non coi soldi dello stadio… Se l’è presa sul campo… Guardati la rosa del primo Gasperini… Tutto viene di conseguenza, entri in Europa e guadagni soldi, aumenti il monte ingaggi…
          Con la mentalità catenaccio, tutti dietro, gioca meglio anche l’ultima in classifica, vai poco lontano…

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Pepito4ever - 2 mesi fa

            guarda per me hai ragione ma se Rocco la pensa così non ci possiamo fare niente, i nostri sono solo discorsi, che a te non piacciono i miei o me i tuoi poco cambia, ci si sfoga e basta e la nostra verità non servirà mai a nulla e di Gasperini ce ne è uno e noi abbiamo si e no pochi milioni per fare mercato dopo i riscatti, quindi quello che dico io, te tutti noi che in comune abbiamo solo la fede viola cambia poco, i nostri sono pareri chi decide è Rocco. Ha scelto Iachini che mi piaccia o meno me ne devo fare una ragione. Così come sulla conferma di Dalbert o su chi arriva. A me sarebbe piaciuto Spalletti, Allegri, Gasperini, e una bella squadra, ma facendo i conti con la realtà il mio è un sogno e tutto quello che diciamo lascia il tempo che trova. i bilanci, gli stadi, quello è meglio dell’altro, non servono a nulla tanto chi decide non siamo noi comunque….ma tifo Viola lo stesso e spero che il prossimo campionato sia meglio di questo, come tutti gli anni e come tutti i tifosi…..FVS

            Mi piace Non mi piace
    3. Pepito4ever - 2 mesi fa

      Io fossi in te leggerei l’articolo prima di essere sprezzante con i commenti altrui, inoltre come io rispetto il tuo commento e non ti dico chetati alle tue farneticazioni, se non ti piacciono i miei commenti non li leggere, ma come tu hai il diritto di scrivere cose più o meno corrette ognuno ha lo stesso diritto senza che la redazione passi certe affermazioni come chetati o farneticazioni sui commenti degli altri. Non va ben e redazione.Non va bene e non è corretto quello che dici su di me mentre va bene il tuo commento dopo. L’Atalanta è sull’articolo. Tutto qui.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. mcweb - 2 mesi fa

        Ti sei offeso x questo? Mamna mia. Ma la colpa mica è tua. Si cancella il.mio messaggio con numeri inconfutabili rispetto ai tuoi per una fease colorita e su passano msg ben piu volgari. Non ci sono parole Buonasera signori, beatevi dello stadio nuovi e una swuadra da 12 posto. Poerannoi…

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Barsineee - 2 mesi fa

    Se il presidente dice che la priorità è creare le basi per aumentare il fatturato allora il Centro Sportivo e Stadio sono le battaglie da affrontare visto il presidente è convinto che quella sia la strada giusta. L’azienda è sua e decide lui.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 2 mesi fa

      Cioè si vivacchia fino allo stadio nuovo. Nel frattempo magari si può anche rafforzare la squadra. La nostra storia e ora Napoli Atalanta e Lazio dimostrano che se c’è la volontà si può fare.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Ghibellino viola - 2 mesi fa

    Bravo Stefano!!!! Aggiungo che nella storia della Fiorentina ci sono stati mercati estivi in cui siamo partiti da squadre non proprio di primo livello per arrivare a campionati ottimi che ricordiamo ancora oggi. Prendiamo ad esempio i mercati del 1981 (anno dopo secondi), 1998 (anno dopo terzi), 2005 (anno dopo sul campo quarti, poi calciopoli) e 2012 (anno dopo quarti). La nostra storia insomma ci dice che se si investe in modo importante sui giocatori e lo si fa bene i risultati arrivano. Io mi aspetto un mercato per lottare per il quarto posto, consapevole che come diceva prandelli in Europa league va chi fallisce l’obiettivo Champion’s non chi parte per lottare per il settimo posto.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Daniele72 - 2 mesi fa

      Nel 81 insomma , Graziani , Pecci , Vierchowod , Cuccureddu , Massaro , Monelli fu un gran mercato per l epoca .

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. vecchio briga - 2 mesi fa

    Bisogna capire cosa si intende per futuro radioso, o giocatori di prima fascia. La Fiorentina deve proseguire, secondo me eh, sulla falsa riga del mercato di gennaio. Magari facendo anche una cessione importante. Una. Se qualcuno invece si aspetta acquisti in stile Inter o Juventus per me è fuori strada se non addirittura in malafede. Di contro se si comincia a fare come gli ultimi 3 anni dei DV allora non ci siamo proprio.
    Il campionato italiano resta di basso livello, non serve spendere centinaia di milioni per arrivare in CL, come dimostrano appunto Atalanta e Lazio. E la CL porta tanti soldi di suo. Il Napoli non ha lo stadio, ma si è qualificato per diverse stagioni in Champions e questo gli ha permesso di investire. Sono questi gli esempi da seguire. Se poi un giorno avremo lo stadio meglio. Forza Viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Daniele72 - 2 mesi fa

    Non vorrei che con la riconferma di Iachini ci siamo giocati Vlahovic , mio auguro di no , mi girerebbero le palle assai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. vecchio briga - 2 mesi fa

      L’ideale sarebbe allungargli il contratto e mandarlo in prestito un anno. Ma non so se la società ha la forza di intavolare un discorso del genere con Ramadani, considerando anche che qualcuno gli aveva dato mandato a venderlo con lauta commissione per il procuratore.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Barsineee - 2 mesi fa

        Ora stai a vedere che se vendono Vlahovic è colpa dei DV!!! La commissione era inserita nel contratto di vendita e corrisponde ad una parte delle vendita della Fiorentina da corrispondere nel corso del 2020/21, come correttamente comunicato dalla Fiorentina stessa. Se vendono Vlahovic è perché vogliono fare cassa e perché con Iachini non lo sanno come usare. Smettiamo di tirare fuori la vecchia proprietà per giustificare eventuali errori della Fiorentina.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. vecchio briga - 2 mesi fa

          Eh sì hai detto bene, è colpa dei dv

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy