Cecchi: “Due categorie di differenza tra Fiorentina e Juventus”

Cecchi: “Due categorie di differenza tra Fiorentina e Juventus”

Il parere di Stefano Cecchi de La Nazione su Fiorentina-Juventus

di Redazione VN

Intervenuto a Radio Sportiva, il giornalista de La Nazione, Stefano Cecchi, ha parlato così di Fiorentina-Juventus

A Firenze è vissuta in maniera particolare, sono due modi differenti di vedere il calcio. La tifoseria viola ha ritrovato l’entusiasmo, vincere contro i bianconeri sembra impossibile ma la magia del calcio è l’imprevedibilità. Sicuramente, in questo momento, ci sono due categorie di differenza.

COMMISSO INCARICA PRADE’ DI RINNOVARE IL CONTRATTO DI CHIESA: I NUMERI

Sconcerti: “La Juventus? Poche speranze. Abbiamo bisogno di Castrovilli”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchioviola - 1 mese fa

    Quando Cecchi dice delle due categorie di differenza, intende a favore nostro vero?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Felipe - 1 mese fa

    Tocchiamoci……hanno parlato i gufacci.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 1 mese fa

      Se poi parla Vinciguerra………. allora è finita!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Up The Violets - 1 mese fa

    Giusto. Più o meno come le categorie di differenza che intercorrono tra la quasi totalità dei giornalisti fiorentini e gli altri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CippoViola - 1 mese fa

    .. per questo c’è più gusto quando li battiamo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Etrusco - 1 mese fa

    No non ci sono due categorie tra il calcio vero e bello (noi) ed i gobbi. Loro hanno dei campioni ed hanno una squadra similare a quella dell’anno scorso e con un grande allenatore, noi nuova di zecca con qualche difficoltà tattica non dovuta ai calciatori. Possiamo tentare qualcosa, di certo se scendiamo in campo con l’idea di pareggiare abbiamo già perso. FVS!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. sinistro viola - 1 mese fa

    abbiamo bisogno di un grande tifo (io ci sarò), di una grande prestazione (non mancherà), di un grande arbitro (durante e non a partita finita) e di un sostegno mediatico qualunque sia il risultato finale (per crescere è fondamentale)…FVS

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. 29agosto1926 - 1 mese fa

    Invito il Sig. Cecchi a ridire le stesse cose a Radio Bruno, se ne ha il coraggio. Purtroppo i giornalisti devono salvaguardare il loro obiettivo che è quello di accontenterà TUTTI i loro lettori e quindi deve essere diplomatico. Lui nonostante tutte le apparenze di “sostenitore delle tradizioni e della conservazione della specie” non fa eccezione alla regola “anche io tengo famiglia”. Quindi mel giudizio di Cecchi la Juve sarebbe la Juve e noi saremmo il Prealpi Salò?. Totò diceva MA CI FACCIA IL PIACERE.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Barone Rosso - 1 mese fa

    Questo sta gufando!
    La vinceremo sicuramente.
    VIOLA CAMPIONI DEL MONDO!!!!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Alan1971 - 1 mese fa

    …mah, c’erano anche con Napoli, due categorie di differenza, ma non si sono viste.
    Senza il rigore inventato magari si sarebbe fatto 3-3 o chissà.

    Poche speranze, ma questi personaggi – da Sconcerti in giù – devono per forza smorzare ogni entusiasmo e cavalcare l’onda del momento (le cose vanno male? allora parlo male, se van bene parlo bene…), mentre con gli scarpari che ci hanno portato a 1 minuto dalla B erano sempre pronti a esaltare i Noorgard e i Milic oppure un Simeone, anche se sbagliava un gol a mezzo metro dalla porta come l’anno scorso.

    Io dico che solo 3 mesi fa NESSUNO avrebbe immaginato che quest’anno avremmo affrontato la Juve con Chiesa da una parte e Ribery dall’altra… quindi aspettiamo a chiamare il prete per l’estrema unzione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy