Vergine: “Dedichiamo la coppa ai Della Valle, a Cognigni e a Corvino”

Vergine: “Dedichiamo la coppa ai Della Valle, a Cognigni e a Corvino”

Le parole del responsabile del settore giovanile Vincenzo Vergine a margine della vittoria dei viola al Filadelfia

di Redazione VN

Così Vincenzo Vergine ai microfoni di Sportitalia nel postpartita di Torino-Fiorentina 1-2, gara di ritorno della finale di Coppa Italia che ha visto trionfare i ragazzi di Bigica: “I ragazzi sono stati bravi perché hanno messo un’ipoteca all’andata. Poi siamo stati bravi a reggere botta anche qui al cospetto di una grande squadra. Siamo stati bravi ad alzare questa coppa e siamo contenti doppiamente perché nell’ultimo anno solare eravamo alla quarta finale. Quando si perdono le finali c’è tristezza e rammarico, ma la consapevolezza è di avere una grande squadra Primavera che aiuta a vivere quell’atmosfera che deve essere fondamentale per andare in Prima Squadra. Dedichiamo la coppa Italia ai Della Valle, a Cognigni e a Corvino, che hanno voluto rilanciare con investimenti mirati il settore giovanile. Vlahovic e Montiel? Si allenano già con la Prima Squadra e quando giocano in Primavera si calano nella realtà dando l’apporto per essere così competitivi. Il rigore con cucchiaio è tipico di chi ha quell’estro in più e si può permettere cose fuori dal comune.

Violanews consiglia

La Primavera soffre ma vince anche al ritorno: Vlahovic e Maganjic riportano la Coppa Italia a Firenze!

11 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Larry_Smith - 1 anno fa

    Dimentica Astori, ma non i suoi capi. Altro che vergine!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-2073653 - 1 anno fa

    Fantastico. Dedicato a Cognigni, Corvino e Della Valle. I tifosi chissenefrega. Uno del genere può essere solo uomo di Corvino.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. FedeLore - 1 anno fa

    infatti ringraziamo corvino per i suoi grandissimi acquisti in prima squadra sopratutto noorgard gerson pjaca che ci hanno portato a questo fantastico decimo posto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Unsenepoppiu - 1 anno fa

    Bravi ragazzi, peccato al Viareggio mancassero i migliori.
    Unico appunto preferirei fossero più utilizzati i ragazzi italiani provenienti dal vivaio e meno stranieri.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. bianco - 1 anno fa

    bravi ragazzi i lenzuolai ci saranno rimasti male perche’almeno stasera non possono infamare la societa’ e sopratutto Corvino

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 1 anno fa

      E perché non possiamo infamarlo, o meglio, perché non possiamo criticarlo (io infatti non ce l’ho con lui personalmente, penso semplicemente che sia inadeguato al ruolo che ricopre) il tuo amatissimo Corvino? Forse una coppa Italia primavera (mica lo scudetto o il Viareggio…) cancella i risultati mediocri della prima squadra? Visto che si parla di giovani, questi ragazzi faranno dimenticare i vari Mancini, Zaniolo o Piccini scaricati dal grande scopritore di talenti Corvino? Ma soprattutto, voi tifate per la Fiorentina o per Della Valle e Corvino?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. STEFANO - 1 anno fa

    Bravissimi. Da applausi. Bella risposta a quei lenzuolai che scrivono senza senso e senza pensare al danno che fanno ai nostri colori. Forza Viola. Foeza DDV.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 1 anno fa

      Certo, i danni li fanno loro, mica chi costruisce squadre mediocri che se va bene arrivano ottave!!! Sareste da psicanalisi…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. ilRegistrato - 1 anno fa

    E francamente chi se ne importa, la coppa Italia della primavera la vince chi riesce ad aggregare il maggior numero di giocatori alla prima squadra. Io mi ricordo Carobbi, Malusci, Flachi, non i trofei delle squadre primavera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Ghibellino viola - 1 anno fa

      Grande tifoso sei

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. fornamas63 - 1 anno fa

      Un commento così rancoroso a fronte di un lieto evento per i colori viola è la chiara manifestazione della prevenzione di certi soggetti nei confronti della proprietà e della sua conduzione.
      Manco un trofeo seppur con tutti i limiti del caso riesce a darvi un briciolo di soddisfazione, piuttosto che riconoscere un merito a questa conduzione tecnica vi spareste in testa.
      E’ vero che quello che conta in un settore giovanile è la capacità di crescere talenti da aggregare alla prima squadra, ma difficilmente ho visto campioni emergere dalle squadre con i peggiori piazzamenti, viceversa ho visto ottimi giocatori uscire da quelle che arrivano alle finali.
      Del Piero e Flachi hanno lottato contro al Viareggio in finale non sono usciti nei gironi, certo poi per fare un giocatore vero ci sono molti altri fattori, tipo l’esperienza per farli crescere, la voglia che hanno di sfondare, la fidanzata che gli fà le corna e mille altri fattori, ma arrivare ad una finale deve essere sempre un titolo di merito riconosciuto non un evento da commentare bofonchiando da falso tifoso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy