Giovanili, lo stress delle trasferte al Sud: colpa di Lotito

Giovanili, lo stress delle trasferte al Sud: colpa di Lotito

Under 17, Under 16 e Under 17 inseriti nel girone C, quello che comprende tutte le squadre del Mezzogiorno e appena quattro del centro Italia

di Redazione VN
Fiorentina primavera

La Nazione si concentra sulle tante trasferte che dovranno fare gli Under 17, Under 16 e Under 15 della Fiorentina. Le formazioni allenate, rispettivamente, da Marco Donadel, Daniele Galloppa e Marco Capparella sono stati infatti inserite a sorpresa nel girone C, ovvero quello che comprende tutte le squadre del Mezzogiorno e appena quattro del centro Italia: Fiorentina, Empoli, Ascoli e Roma. Tutte le altre società (ben nove su un totale di tredici) si trovano ad almeno 400 km di distanza da Firenze. Un sacrificio notevole per la Fiorentina, che due volte al mese sarà chiamata ad organizzare viaggi quasi tutti molto distanti per tre delle sue formazioni del vivaio

Un impiccio non da poco che oltre a stremare i baby viola fisicamente e mentalmente graverà anche sulle casse della società, visto che almeno quattro trasferte (che moltiplicate per tre diventano dodici) dovranno essere effettuate in aereo: tra le più distanti figurano Reggio Calabria (910 km da Firenze), Crotone (850 km), Lecce (825 km) e Cosenza (770 km), per non parlare dei non agevoli viaggi in direzione Salerno, Benevento, Napoli e Pescara. Ma cosa ha portato i viola a doversi sottoporre a questo martirio inaspettato, che ha indispettito e non poco il club di Commisso? Voci di corridoio raccontano che la Fiorentina sia stata «sacrificata» per permettere alla Lazio (inserita nel gruppo A) di non giocare nello stesso girone della Salernitana (il C), dal momento che i due club condividono lo stesso proprietario: Claudio Lotito.
-> Tutto sui campionati Under 17, Under 16 e Under 15 su numericalcio

-> CALCIOMERCATO: TUTTE LE OPERAZIONI CONCLUSE IN SERIE A
-> Clicca qui per restare aggiornato su tutto il mercato della Fiorentina

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Il Viola di Gallipoli - 2 settimane fa

    Credo ci siano delle norme che regolano la questione distanze quando si parla in particolare di giovanili e del loro benessere psicofisico.

    Potrebbero impugnare la decisione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. birne - 2 settimane fa

    Loschifo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy