Dalla Primavera alla A: quanti baby viola sono pronti? Ecco cosa insegna il ‘caso’ Sassuolo

Dalla Primavera alla A: quanti baby viola sono pronti? Ecco cosa insegna il ‘caso’ Sassuolo

Solo un giocatore della squadra che lo scorso anno trionfò al Viareggio adesso è aggregato stabilmente in prima squadra. Gli altri sono sparsi tra B e C. Qualcuno è finito addirittura tra i dilettanti…

di Redazione VN

Dalla finale nella Viareggio Cup alla Serie A. La strada è breve? Non sempre. Spesso il percorso – che si spera possano intraprendere i talenti viola, sconfitti in finale contro l’Inter – è pieno di ostacoli, richiede tempo. E soprattutto pazienza. Esempio lampante il Sassuolo, vincitore dell’edizione 2017 del torneo. A un anno di distanza, andando a esaminare caso per caso i ragazzi che disputarono la finale da titolari, si scopre che solo un giocatore è aggregato stabilmente in prima squadra. Gli altri sono andati a farsi le ossa. Chi in Serie B, chi in C. Qualcuno è finito addirittura tra i dilettanti.

Bryan Costa, portiere di quel Sassuolo che aveva alzato la coppa, adesso è riserva in B con il Vicenza: zero presenze. Mentre Matteo Rossini, Viareggio 2017 da protagonista come centrale di difesa, non è ancora riuscito a fare il grande salto ed è rimasto nella Primavera neroverde. Giulio Gambardella fa la riserva in C con il Lecce: per lui solo due gettoni in Coppa Italia. Per Luca Ravanelli 13 gare (e un gol) con il Padova in C. Mentre Andrea Masetti fa panchina al Fano, ultimo in C (solo 8 partite da titolare). Marcus Marin si è ritagliato il suo spazio al Catanzaro, 14esimo in C, con 3 reti in 23 gare. Federico Abelli, mediano, ha collezionato appena 10 partite nell’undici iniziale con la Vigor Carpaneto, in Serie DSimone Franchini, in metà stagione non è mai sceso in campo con la Ternana in B e ora ha fatto rientro a Sassuolo, in Primavera. Gianluca Scamacca, che segnò tre reti al Viareggio – una in meno rispetto a Gabriele Gori – in questa stagione ha messo insieme 21′ in A con il Sassuolo. Ma a gennaio è scivolato in B, in prestito alla Cremonese, dove ha racimolato 6 presenze, di cui 2 da titolare. Mentre Nicholas Pierini, esterno d’attacco, si alterna tra Primavera e prima squadra, dove ha rastrellato 41′. E infine Claud Adjapong, l’unico che si sta facendo largo in Serie A, con 9 presenze al Sassuolo.

Detto che probabilmente il valore di questa Fiorentina Primavera è maggiore rispetto al Sassuolo di un anno fa, va considerato anche che la rosa attuale di Iachini è meno competitiva rispetto alla squadra di Stefano Pioli. Proprio per questo i giovani viola con più talento dovranno lavorare sodo per avere una chance in prima squadra. Sarà dura, magari servirà un po’ di gavetta. Ma niente è impossibile.

Violanews consiglia

Primavera, un altro sogno infranto. Ma le pianticelle crescono bene

Viareggio Cup, Gori nell’albo dei ‘grandi’: è lui il Golden Boy del torneo!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy