Bobby Duncan, quel colpo controcorrente. La dirigenza non voleva, ma Vergine era stregato

Bobby Duncan, quel colpo controcorrente. La dirigenza non voleva, ma Vergine era stregato

Il retroscena della trattativa per il cugino di Gerrard, approdato in maglia viola nell’ultimo giorno di mercato

di Redazione VN

«È una situazione che piaceva da tanto al nostro responsabile del settore giovanile Vincenzo Vergine, lavorerà con la Primavera ma lo vogliamo vedere spesso a lavorare anche con la prima squadra. Anche se avendo una rosa così ampia e non avendo un centro sportivo non sarà semplice poter aggregare molti giovani alla prima squadra», così Daniele Pradè ha definito la trattativa per Bobby Duncan, arrivato dal Liverpool per 500mila euro, più un milione di bonus. Segno che la proprietà vuol puntare sul potenziale nostrano per il settore giovanile.

De Paul: “L’Udinese ha respinto tutte le offerte che erano arrivate per me”

5 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. damci - 3 settimane fa

    Sarebbe drammatico se si calassero gli investimenti e l’interesse al settore giovanile,unica possibilità di competere ad un più alto livello per una squadra come la Fiorentina. Il FPF e le valutazioni raggiunte sul mercato anche da calciatori di medioalto livello,renderanno impossibile anche ad un Commisso disponibile ad importanti finanziamenti di competere ad alti livelli,se non si troveranno anche elementi di valore nel settore giovanile e in acquisti scommessa(che falliscono nel 70/80% dei casi,ma con impatto economico limitato e quando riescono rafforzano la squadra a costi irrisori).A conferma di questo basti considerare che l’aumento del monte ingaggi,quest’anno,sarà,da solo, decisamente superiore alla maggiore entrata relativa alla sponsorizzazione Mediacom

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Etrusco - 3 settimane fa

    Se oggi in 1° squadra ci sono diversi giovani promettenti provenienti dalle giovanili, si deve ringraziare Vergine e la volpe del Salento, quindi oggi ci affidiamo ancora al giudizio di Vergine ed al DS Pradè.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. folder - 3 settimane fa

      Pradè spiegò che,se fosse stato per lui,non l’avrebbe preso e che fu Vergine ad insistere così tanto da farlo prendere.Questo dimostra che il merito è tutto di Vergine e di quanto Pradè ci capisca nel valutare i calciatori per il settore giovanile(per rammentare le piazze dove ha lavorato Pradè :alla Roma il settore giovanile veniva curato da Bruno Conti e non da Pradè;la Sampdoria e l’Udinese
      sono anni che non inseriscono un giocatore proveniente dalle giovanili in squadra e del primo periodo di Pradè in viola mi pare che solo Petriccione,che peraltro gioca nel Lecce,giochi in serie A)!

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Etrusco - 3 settimane fa

        Infatti per me the salentinian fox è e rimane uno dei migliori scopritori di talenti in erba e di portieri, di sicuro tra i più bravi in Italia ma in queste specialità credo anche in Europa. Va detto pure che molta farina del sacco è di Vergine, persona intelligente che sa operare al max livello e sempre in silenzio, mi ricorda per questo suo atteggiamento il mitico Macìa.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. folder - 3 settimane fa

          Allora lo sai,se fosse stato possibile,cos’avrei fatto io?:avrei tenuto la Volpe del Salento(tanto era sotto contratto)e l’avrei fatto responsabile area tecnica del settore giovanile!

          Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy