Adami: “Voglio vincere con Fiorentina e Nazionale”

Adami: “Voglio vincere con Fiorentina e Nazionale”

La centrocampista della Fiorentina Women’s si confessa su argomenti che vanno oltre il calcio

di Redazione VN

La numero 7 della Fiorentina Women’s Greta Adami ha parlato con Tutto Calcio Femminile anche dell’appoggio dei suoi genitori nei primi anni di avvicinamento al calcio e dei suoi obiettivi in campo e fuori. Queste le riflessioni della centrocampista viola ricordando che sull’App Tutto Calcio Femminile trovate l’intervista completa.

I tuoi obiettivi da calciatrice?
“Crescere ed imparare sempre. Vincere il più possibile con club e Nazionale”.

E da donna?
“Quando finirò di giocare dovrò ripartire da zero, quindi il mio obiettivo è quello di finire gli studi per avere un lavoro stabile dopo il calcio, avere una famiglia e riuscire a mantenerla con il mio compagno per vivere sereni e felici”.

Quali parole useresti per convincere una famiglia a mandare la loro bambina a giocare a calcio?
“Credo che i genitori debbano volere la felicità per i propri figli. Lo sport che è una passione, può rendere felici. Il calcio è uno sport. Mia mamma mi ha accompagnato al primo allenamento, io non volevo entrare perchè erano tutti maschi e mi vergognavo, è stata lei a chiamare il mister e mi ha fatto entrare. Penso che la ringrazierò sempre per questo, con mio papà mi ha sempre seguito e sostenuto e mi ha fatto essere una persona felice che segue i propri sogni”.

E’ cambiato il vostro rapporto con la gente?
“E’ cambiato il fatto che adesso ci riconoscono e ci chiedono una foto e questo fa un po’ strano, non siamo ancora abituate”.

Un prodotto commerciale che ti piacerebbe promuovere come testimonial.
“Mi piacerebbe poter promuovere ogni sabato delle scarpe da calcio, nuovi modelli, nuovi design. Se invece devo parlare di un prodotto fuori dal calcio non saprei, mi piace molto la tecnologia, fare foto, creare video, quindi forse qualcosa che abbia a che fare con questo mondo”.

Pallone e maternità è un binomio possibile?
“Non ho mai vissuto questa situazione quindi non saprei. So però di alcune giocatrici che dopo aver avuto un figlio sono tornate in campo, quindi direi di si. Probabilmente adesso è un pochino più semplice di prima”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy