Montolivo sta con Bonaventura: “Milan, sbagliato chiudergli la porta. Io ho avuto rigetto per il calcio”

Montolivo parla del suo addio al calcio e della voglia di rientrare

di Redazione VN

L’ex Fiorentina e Milan Riccardo Montolivo ha rilasciato un’intervista a La Gazzetta dello Sport, eccone alcuni passaggi:

Milan? Mi spiace per Bonaventura, un ragazzo affidabile e dal rendimento assicurato: chiudergli la porta così, per motivi di età, l’ho trovato sbagliato. Futuro? Dopo l’ultima, complicatissima stagione della mia carriera ho avuto una fase di rigetto verso il mondo del calcio e ho voluto staccare del tutto. Mi sono dedicato anima e corpo alla famiglia, ma ultimamente mi sta tornando la voglia di pallone. Però non voglio improvvisarmi, voglio studiare e capire bene. L’idea è stare sul campo, non in giacca e cravatta. Partendo per gradi, magari lavorando anche con i ragazzi. Ad ogni modo non mi guardo più indietro, il passato è in un cassetto. No, non ho la risposta a quella stagione maledetta. E le risposte che mi hanno dato non corrispondono al vero. Comunque ho avuto problemi con alcune persone del club, ma non con il club. E poi da parte mia penso di aver sempre avuto un comportamento impeccabile.

MILIK SI SFOGA: “DETTE MOLTE COSE NON VERE SU DI ME”

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 2 settimane fa

    Ma mi sa che anche il calcio ha avuto rigetto per lui…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Paolo - 2 settimane fa

    Ha proprio un bel coraggio a parlare in questo modo uno come Montolivo! Si lamenta pure del comportamento che lui ha ricevuto dal Milan!

    Ma se lo ricorda come si è comportato lui stesso nei confronti della Fiorentina e dei suoi tifosi quando gli ultimi due anni di contratto non aveva voluto né rinnovare il contratto né essere cdeduto ad un’altra squadra che non fosse il Milan?

    Se ben ricordo, il penultimo anno in maglia viola, la Roma l’aveva richiesto ed aveva pure proposto alla Fiorentina 10 milioni di euro per l’acquisto del suo cartellino, ma lui si impuntò e non ne volle proprio sapere.

    Quind, se in certi casi, uno come Lotito (che comunque simpatico non lo è per niente) cerca di non farsi fregare in questo modo da certi suoi giocatori, minacciandoli di farli stare fuori rosa anche per due anni, secondo me tutti torti non li ha, anche perché l’attuale sistema calcistico (con l’avvento della legge Bosman) tutela sempre e soltanto i giocatori e i loro procuratori e mai le Società che proprietarie dei loro cartellini.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. claudio.viola - 2 settimane fa

    Grande e indimenticato capitan cureggia!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Claudio50 - 2 settimane fa

    Si caro anche con la Fiorentina ???

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. glover_3713546 - 2 settimane fa

    I tifosi milanisti ti hanno augurato più volte la morte sui Social… basterebbe questo a farti riflettere. Sei stato deriso, fischiato ed insultato in molti stadi d’Italia, Bergamo, Firenze, Milano, Torino (per le prestazioni in Nazionale), ecc… un esame di coscienza mai?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Tintyvi - 2 settimane fa

    Poverino,se almeno avessi rinnovato prima di andare,non avresti attirato i malefici influssi di milioni di tifosi viola.
    Che soddisfazione la tua fine.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. bianco - 2 settimane fa

    Dispiaciuto x Bonaventura ? Ma se è venuto a Firenze di cosa sei dispiaciuto noi invece x merito del falso tifoso Pallavicino ci siamo liberati di te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. user-14380403 - 2 settimane fa

    Firenze non ti avrebbe mai trattato così …. ma a quanto sembra, la storia non insegna nulla

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. andrea - 2 settimane fa

    Il calcio ha avuto rigetto di te

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Ale 1926 - 2 settimane fa

    Io la risposta ce l’ho: Riccardo Montolivo capitano del Milan, era la vergogna del calcio.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy