Le pagelle del giorno dopo: 10 a nessuno. Basta giocatori fuori ruolo, e quella battuta su Sarri…

L’analisi del giorno dopo di Luca Calamai per Violanews.com

di Luca Calamai
luca-calamai

10 – A nessuno. Ma proprio a nessuno perché non esiste un qualcosa del mondo Fiorentina che meriti un simile voto.
9 – A chi si tormenta per questa Fiorentina e vorrebbe cacciare Iachini, vorrebbe nuove figure in società, vorrebbe un centravanti, vorrebbe una nuova classifica. Vorrebbe nuovi sogni invece che vecchi incubi.
8 – A Gianfranco Monti che mi ha scritto che sta meglio. Non vedo l’ora di poter dialogare con lui a Radio Bruno. Magari insieme a Giovanni Sardelli.
7 – A chi ha inventato un’ultima ora fasulla dal titolo. “Sarri ricoverato in ospedale dopo aver visto Callejon attaccante”. Quanto a trovare battute geniali siamo da scudetto..
6 – A Dragowski che è sempre il migliore in campo sia quando si vince, sia quando si perde. Questo è un dato che spiega più di tante parole.
5 – A chi pensa che anche questa stagione sia già andata. Accettare il fallimento il 2 di novembre è vietatissimo. Piuttosto è l’ora di chiedere scelte coraggiose.
4 – A Vlahovic al quale farei vedere cinque ore al giorno la partita di Roma e tutte le volte che Dzeko ha difeso la palla, ha preso punizione, ha fatto salire la squadra, ha aperto il contropiede… Non chiediamo la luna e nemmeno tre gol a partita. Ma almeno un po’ di lavoro sporco…
3 – A chi continua a proporre Amrabat regista. Lo stiamo rovinando.
2 – A chi continua a proporre Callejon attaccante. Lo stiamo perdendo prima ancora di averlo avuto.
1 – A chi ha paragonato Quarta a Passarella. E’ sbagliato anche se, come è successo, è stato lo stesso Daniel il primo a sostenere questa tesi.
0 – Rubando la frase alla Nasa (Houston, we have a problem), mi viene da lanciare un appello a Commisso: Bisogna intervenire. E subito.

Ribery
ROME, ITALY – NOVEMBER 01: Edin Dzeko of AS Roma and Franck Ribery of ACF Fiorentina look on during the Serie A match between AS Roma and ACF Fiorentina at Stadio Olimpico on November 1, 2020 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)
31 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Fabry amorino - 3 settimane fa

    Voto 0 a luca calamaio,che si ostina a non dare zero a rocco,prade e barone(nonostante ancora abbiano abbasta credito,anke tra noi tifosi però quando sbagliano,bisogna dirglielo,non mettere la testa sotto la sabbia…)solo per paura di perdere gli accrediti gratis in tribuna?????

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Claudio50 - 3 settimane fa

    Continuando cosi ci facciamo del male da soli, diamo solo alibi ai giocatori tanto la colpa e’ dell’allenatore. Poi si cambia allenatore e la musica non cambia. Bisogna che i giocatori e allenatore spieghino ad esperti ,Antognoni Dainelli, cosa no va e li mettano d’accordo. Poi ci sono varie cose che non vanno in casa Viola. Manca il Bomber ma abbiamo tre giovani da far crescere. I nuovi acquisti non sono migliori dei vecchi e mettendo tutti nel proprio ruolo qualche illustre dovra’ star fuori, cosi addio rinforzi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. LP75 - 3 settimane fa

    di allenatori come Pioli non ce ne sono molti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Violaviola - 3 settimane fa

    Mi dispiace che tu non fossi qua questa estate per dire queste cose…. Ah no ma aspetta un atiimo, ma tu c’eri!!! Ma come mai queste cose non le dicevi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Boranga - 3 settimane fa

    Ho da spaccare un po’ di legna Perché non mi mandate Barone e Pradé cosi perdono un po’ di buzza?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Etrusco - 3 settimane fa

    Il buon Cal che oggi scrive una cosa ma ieri ne pensava un’altra che voto dovremmo dargli?
    4 alla neo società che come la vecchia continua a nascondersi dietro ad allenatori tutto fuorché top.
    4 all’attacco leggero varato alla chèzz de chèn da un allenatore che in questo campionato come voto sta veleggiando fisso tra il 2 ed il 4.
    2 al fast fast fast che qua è rapido solo a vederci arretrare in classifica.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. BailaCicala - 3 settimane fa

    Ciao Luca, che voto daresti a quel giornalista che ha insistito prima per la riconferma di Montella 06.19 poi per quella di Iachini 08.20 e che ha dichiarato nel Gennaio 2020 che Cutrone è meglio di Belotti?
    #PoeriaNoi#

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

      Strano che la redazione te lo abbia passato

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Marsal - 3 settimane fa

    Dopo la partita di ieri:
    1 a Luca Calamai, alle sue pagelle sempre accomodanti e retoriche.
    2 a chi ha voluto, o chiesto o scelto Iachini allenatore della Fiorentina.
    3 a tutto il gruppo dirigente viola che non riesce a farsi sentire dal Capo.
    4 alla prestazione della difesa di ieri (a parte Milenkovic),
    5 a Iachini: tutte le colpe non sono sue, ma sta incominciando a metterci del suo,
    6 ad Amrabat che si è almeno salvato,
    7 a Dragowski: poteva essere una goleada per la Roma, ieri.
    8 o 9 o 10 a quei tifosi viola che hanno visto la partita Roma-Fiorentina fino alla fine.
    8, 9 e 10: ai tifosi viola

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. 29agosto1926 - 3 settimane fa

    Credo che sia inutile girarci intorno o giustificare, vuoi per la simpatia, vuoi per il personaggio, il MAGGIOR RESPONSABILE di tutta questa situazione che ha un nome e cognome, ROCCO COMMISSO che, come ogni dirigente di una qualsiasi azienda, va giudicato in base ai risultati ottenuti, alla programmazione, ed all’innovazione che riesce a dare al suo operato.
    Ebbene il risultato non è negatIvo ma CATASTROFICO.

    A me Rocco piace, piace la sua schiettezza, la sua giovialità, il suo modo di considerare la gente, mi piace davvero. Allo stesso modo mi piace Iachini, la sua onestà, il suo essere Fiorentino, la sua passione ma, purtroppo, qui non dobbiamo giudicare “l’uomo” ma il dirigente ed il professionista ed allora il giudizio cambia radicalmente su tutti e due.

    Rocco ha fatto una serie di errori indescrivibili che sono passati inosservati per il giudizio benevolo di tutti noi che abbiamo dato al suo arrivo a Firenze, accolto come il salvatore della Patria, come l’esorcista del male Della Valle.

    Sarebbe lunghissimo fare l’elenco di tutti ed anche ingeneroso perché occorre tener conto della situazione e del personaggio che da poco si è affacciato alla nostra realtà calcistica e politica, ambedue totalmente differenti da quella americana.

    Adesso, se davvero vuole dimostrare qualcosa, al di la della passione, della voglia, delle intenzioni, deve agire ed agire in maniera drastica per il bene suo e di noi tutti. Deve avere il coraggio di fare PIAZZA PULITA e cominciare da ZERO tutto.

    Bisogna trovare non solo un allenatore con cui cominciare un ciclo che ci porti ad essere come il Sassuolo, perlomeno, e che insegni calcio e che, soprattutto la domenica ci faccia divertire. Bisogna trovare un Direttore Generale che sappia come funziona il mondo del calcio di cui Joe Barone (brava persona) non ne conosce nemmeno l’ABC. Bisogna trovare un Direttore Sportivo che esca dal duo Pradè-Corvino (ambedue non adatti e scarsi di conoscenze nell’ambito calcistico). Insomma bisogna investire in queste figure che possano dire “a chi deve venire” la certezza che il PROGRAMMA E’ VALIDO E CONCRETO. I GIOCATORI NON VENGONO A FIRENZE PERCHE’ NON ESISTE QUESTO!

    Rocco è ancora in tempo a non bruciare tutta quella fiducia che tutto il popolo Viola gli aveva dato ma non può più perdere tempo se si vuole e ci vuole bene.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. jordan - 3 settimane fa

    Vlahovic ha giocato meno di mezzora ed ha vent’anni. Bisogna vedere cosa faceva Dzeko a vent’anni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ale campi - 3 settimane fa

      Fammi un fischio quando riuscirà a difendere una palla.
      Questo succede dall’anno scorso…..

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. fiore - 3 settimane fa

    Una toppa peggio del buco

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Barsineee - 3 settimane fa

    badalà … tutti a saltare via dalla barca che sta affondando? Ovvia anche Calamai non si sbraccia più per Commy e Beppone! GiocaFastFast

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. rudy - 3 settimane fa

    Quando giocava Passarella (35, 40 anni fa) quelli alti da 1,90 in su li vedevi in campo solo nei Palazzetti dello Sport. Temo che Quarta non sia fisicamente adatto al calcio europeo attuale.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. bianco - 3 settimane fa

    D’accordo su tutto con Calamai tolto il giudizio di quasi bocciatura su Quarta forse si è dimenticato che i primi sei mesi di Passatella furono da incubo con errori marchiani e qualche cartellino rosso di troppo x la troppa irruenza poi sappiamo tutti che è diventato uno dei più forti difensori del mondo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Bob - 3 settimane fa

      Diventato….lo era già

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. bianco - 3 settimane fa

        Te Bob non hai capito cosa volevo intendere

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. bianco - 3 settimane fa

        Te Bob non hai capito cosa volevo intendere ovvero che anche ai campioni ci vuole un po’ di tempo per ambientarsi in nuove realtà

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ilRegistrato - 3 settimane fa

      Ti ricordi male Bianco, Passarella non ha MAI e ripeto MAI preso un cartellino rosso in tutta la carriera alla Fiorentina ne’ diretto ne’ per doppia ammonizione. I primi mesi e’ vero che furono di ambientamento ma furono giusto tre o quattro ed in ogni caso era tutta la Fiorentina che non girava al meglio.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. jordan - 3 settimane fa

        Perché quella di adesso gira al meglio?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ilRegistrato - 3 settimane fa

          Jordan, Passarella e’ stato uno dei piu’ grandi liberi di tutti i tempi. Per me sono lui e Beckenbaur i migliori nel ruolo in assoluto. Prima di fare certi paragoni e dire delle assurdita’ sui carellini rossi presi da Passarella bisognerebbe almeno conoscere la carriera di Passarella, che ha vinto un campionato del mondo a 25 anni, e’ arrivato alla Fiorentina a 29, non ha mai perso un cartellino rosso in quattro anni di carriera alla Fiorentina, e in quegli anni e’ stato uno dei trascinatori della Fiorentina insieme ad Antognoni.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. Violaviola - 3 settimane fa

            Ma si io ricordo anche 2 tizi un tale baresi ed un tale scirea….
            Ma non erano giocatori degni di Beckenbauer e passarella hai ragione…

            Mi piace Non mi piace
    3. ilRegistrato - 3 settimane fa

      Ah… dimenticavo… Passarella quando arrivo’ alla Fiorentina era gia’ uno dei piu’ forti difensori del mondo, non lo e’ diventato in Italia 🙂 Ma non e’ che per caso segui il basket invece che seguire il calcio?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 3 settimane fa

        Un certo Platini ti dice niente. Ma tu devi sempre fare il saccente altrimenti non ti senti realizzato, vero?

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. bianco - 3 settimane fa

        Caro IlRegistrato o ci fai o ci sei tutti d’accordo che Passarella è stato un grande ma come un certo Platini’ hanno avuto bisogno di un po di tempo x ambientarsi sto solo difendendo Quarta che ha giocato la sua prima partita da titolare in una squadra allo sbando l’hai capito o no

        Rispondi Mi piace Non mi piace
        1. ilRegistrato - 3 settimane fa

          Caro Bianco, io seguo il calcio non seguo il basket. All’epoca andavo allo stadio quasi tutte le domeniche ho visto giocare Passarella, ho visto giocare Platini’ la prima stagione in Italia (ci azzoppo’ Miani nella partita a Firenze, ovviamente neanche’ cartellino giallo) e ho visto giocare dal vero Scirea e Baresi (vedi commento di un certo o una certa Violaviola piu’ su). Passarella e’ arrivato come un campione affermato e l’unico problema che aveva i primi tre o quattro mesi (non sei) e’ che non aveva la posizione del libero italiano, all’epoca in Italia il libero giocava ancora staccato dalla linea dei difensori mentre in altri paesi gia’ si giocava a zona e piu’ in linea. E tanto per rispondere a Violaviola, Beckenbauer e’ stato l’unico calciatore dalla mediana in giu’ a vincere il pallone d’oro vorra’ pur dire qualcosa. Scirea e Baresi al confronto di Beckenbauer e Passarella avevano due piedi che erano dei ferri da stiro.

          Rispondi Mi piace Non mi piace
          1. bianco - 3 settimane fa

            Sei duro come le pine verdi lo dici anche te che Passarella ha avuto bisogno di ambientarsi pur essendo un grande ed arrivato a Firenxe a 29 anni Quarta ne ha 24 gli vogliamo dare un po di tempo, poi anch’io e altri 40.000 tifosi abbiamo visto tanti campioni giocare a Firenze non solo tu io sono andato in ritiro per anni solo per vedere Antognoni pensa un po’

            Mi piace Non mi piace
  15. Nicco - 3 settimane fa

    Via Iachini oggi, dentro aquilani x Parma e prendere il nuovo allenatore che possa sfruttare la sosta delle nazionali, iachini a Parma ci deve andare in gita nn sulla panchina della Fiorentina. Adesso basta

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  16. Sblinda - 3 settimane fa

    A Calamá ma Beppe non era un profilo top e mandalo via un’eresia?
    Commisso è testone non fa autocritica, ma anche tu non scherzi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 3 settimane fa

      hanno la memoria cortaaaaaa.basterebbe dire :pensavo anche io facesse meglio.mi sono sbagliato.un ti ammazza mica nessuno.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy