La situazione dei giocatori in prestito: tra riscatti, addii e ritorni a Firenze

La situazione dei giocatori in prestito: tra riscatti, addii e ritorni a Firenze

Analizziamo le varie situazioni legate ai giocatori di proprietà della Fiorentina ma in prestito ad altre società

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

La stagione volge al termine e la Fiorentina sta già pensando anche alla ricostruzione della prossima estate. Dalla prossima sessione di mercato passeranno le basi di un nuovo ciclo che si baserà pure sui giovani. Tanti prodotti del vivaio viola sono in giro per il mondo al fine di maturare l’esperienza necessaria per tornare a Firenze da protagonisti: analizziamo insieme la loro posizione in vista del presente e del futuro. Questo quanto raccolto da ViolaNews.com.

Matias FERNANDEZ – Contratto fino al 2018. Il centrocampista cileno voluto da Montella, dopo un inizio difficile, si è conquistato una maglia da titolare: arrivato al Milan con la formula del prestito oneroso di 500 mila euro ed un riscatto fissato ad un milione, negli ultimi tempi le sue quotazioni stanno salendo e con la permanenza dell’attuale allenatore rossonero potrebbe esserci anche la permanenza a San Siro.

Lorenzo VENUTI – Il giocatore si è trasferito al Benevento con la formula del prestito con diritto di riscatto in favore dei campani fissato ad un milione di euro e un controriscatto per la Fiorentina di una cifra poco superiore, dopo aver rinnovato il contratto la scorsa estate fino al 2019. Quasi un prestito secco viste le cifre, mentre l’ultimo contatto tra le parti risale ormai a mesi fa. Appuntamento a fine stagione.

Luca LEZZERINI – Prestito secco, questo prevede l’accordo tra Fiorentina ed Avellino. Nel futuro del classe ’95 ci sarà probabilmente Moena e, successivamente, una decisione sul futuro, orientato verso un altro prestito vista la grande concorrenza nel parco portieri viola.

Jaime BAEZ – Un trasferimento a titolo temporaneo e la necessità di provare ancora a brillare. Dopo aver preso parte al ritiro di Moena, per Baez si sono nuovamente spalancate le porte della Serie B, stavolta con la maglia dello Spezia.

Jacopo PETRICCIONE – Si è trasferito alla Ternana in prestito secco, senza alcun vincolo futuro: inoltre, gli umbri non hanno parlato con la Fiorentina di un possibile nuovo accordo. Occasione in ritiro a Moena?

Luca ZANON – In prestito alla Pistoiese dopo aver preso parte al ritiro della scorsa estate, Zanon probabilmente ritroverà il Trentino Alto Adige per giocarsi nuovamente il proprio futuro.

Marco BERARDI – È in prestito al Tuttocuoio: difficile che possa ritagliarsi uno spazio nella Fiorentina del futuro.

Simone MINELLI  – Arrivato in prestito secco all’Albinoleffe, anche per il classe ’97 ci sarà il ritorno alla base prima di un probabile nuovo prestito.

Amidu SALIFU – Ha rinnovato il suo contratto la scorsa estate fino al 2018: è in prestito al Mantova, a fine stagione l’ennesimo ritorno alla base prima della decisione finale, visto che l’accordo scade al termine della prossima stagione.

Saverio MADRIGALI – Ha cambiato agente durante questo anno: non più Andrea Pastorello, bensì Giocondo Martorelli. Al Cosenza in prestito secco, non ci sono ancora stati contatti con la Fiorentina per progetti futuri.

Nicolò GIGLI – Da Matera a Moena, la strada è lunga: il classe ’96 però potrebbe aggregarsi al ritiro, salvo poi sottostare alla decisione finale.

Luzayadio BANGU – Ci si aspettava molto dal congolese: uno dei talenti più floridi sfornati dal vivaio viola da anni sulla bocca di tutti. Prestito secco alla Reggina per la sua prima esperienza tra i professionisti. La sensazione è che il giocatore debba maturare ancora e, in vista della prossima stagione, si cercherà una nuova sistemazione per poter crescere ancora.

Giuseppe ROSSIPepito ed un contratto in scadenza a giugno: inoltre, un altro maledetto infortunio. Era partito in prestito alla volta della Spagna per esaurire l’ultimo anno di legame con la Fiorentina: praticamente impossibile che possa rinnovare. Il futuro di Giuseppe Rossi non sarà sicuramente colorato di viola.

Andres SCHETINO – Attualmente in prestito con diritto di riscatto al Sevilla B, la seconda squadra del club andaluso, il centrocampista difficilmente potrà continuare la sua esperienza in viola, anche se nell’ultimo ritiro di Moena trovò abbastanza spazio nelle amichevoli pre campionato, pure a causa dell’assenza di alcuni giocatori, salvo poi salutare.

Ante REBIC – Sousa gli aveva concesso alcune opportunità ma le sue caratteristiche non sembravano essere all’altezza di una permanenza: così, prima al Lipsia ed in estate il trasferimento sempre in prestito all’Eintracht Francoforte, dove ha ritrovato l’ex ct della Croazia Nico Kovac che lo aveva convocato anche per i Mondiali del 2014. “Stiamo pensando di trattenerlo qui anche in futuro”, ha detto il ds del club tedesco Bruno Hubner qualche mese fa, alla cui dichiarazione si è aggiunta quella di Kovac: “Quando lo abbiamo preso in estate qualcuno ha riso, ma adesso sta dimostrando quello che è in grado di fare”.

Steve BELECK – In prestito all’Umraniyespor, difficilmente avrà uno spazio nella Fiorentina del futuro.

Kevin DIKS – Sicuramente tornerà a Firenze a fine prestito: la Fiorentina ha investito su di lui salvo poi cederlo in prestito a gennaio al Vitesse, squadra da cui lo aveva acquistato.

GILBERTO – Si è trasferito al Vasco da Gama dopo aver terminato il prestito al Latina: si era parlato anche di una possibile rescissione prima dell’approdo in Brasile. Chissà se la separazione definitiva arriverà in estate.

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. frigo - 3 anni fa

    Capezzi e Piccini lasciati andare via e alla fine dei giovani non è rimasto nessuno

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. leonardo.poffer_3 - 3 anni fa

    Pochissimo da salvare, o quantomeno da valutare nel prossimo ritiro di Moena.
    Diks e venuti per giocarsi un posto (auspicabilmente da riserva) come terzino destro
    Forse Petriccione per un posto in rosa a centrocampo
    Zanon magari non è peggio di Milic, ma a sinistra oltre ad acquistare un titolare, dovremmo anche riuscire a sbolognare il croato (maxi olivera costa troppo di riscatto obbligatorio per ipotizzare una cessione non sanguinosa per le casse giglate)

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. isiraider - 3 anni fa

    Quasi un campionario degli orrori! A parte alcuni – Venuti, Lezzerini, Minelli, Petriccione, sui quali è perlomeno lecito nutrire ancora speranze di un’onorevole carriera – ma quanto è costato tutto ciò? Intendo di cartellini, di ingaggi, di spese variabili (Moena, tanto per esemplificare). C’è qualcuno che risponde di tutto questo? Vero è che una società per azioni che opera nel calcio deve avere giocoforza un parco giocatori di una certa dimensione ma qui si sta rasentando il ridicolo, in rapporto alle nostre dimensioni (anche storiche), e il paradosso perché il fair value di tutti questi nomi è presso che prossimo allo zero. Si pensi solo a quanto si è speso complessivamente per Rebic e per Fernandez. Poi ci sono i conti in rosso! E ci credo, verrebbe quasi la voglia di dire, con questi andazzi che altro? Ad majorem violae glòoriam !!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy