Fiorentina, puoi sorridere: la legge di Murphy non è ineluttabile

Lo dimostra la vittoria di ieri