Bucciantini a VN: “Colpe di tutti, ma c’è un gol per ripartire. Piatek? Non serve”

Marco Bucciantini, volto di Sky Sport, a Violanews: “La svolta negativa contro la Samp, errore di progettazione in attacco”

di Alessandro Lilloni, @AleLilloni

Abbiamo parlato in esclusiva con Marco Bucciantini, giornalista, scrittore e noto opinionista di Sky Sport. Obiettivo fare chiarezza sul presente e sul futuro della squadra viola.

“La Fiorentina vista lunedì non lascia tranquilli i propri tifosi. Come si spiega una prestazione del genere e quali sono invece gli aspetti positivi?
Il momento di difficoltà che sta vivendo la Fiorentina genera questo tipo di partite. Niente di quello che provi in settimana si traduce sul campo dove hai avversari davanti e fantasmi nella testa. In questa sofferenza, almeno con il Genoa si è vista maggiore organizzazione ma la svolta è stato l’ingresso di Bonaventura, che ha portato una presenza in più in area vicino a Vlahovic. Partendo da fuori area, leggendo gli spazi, ha creato tanti problemi alla difesa del Genoa, ha rotto l’allineamento di centrali creato da Maran: mai vista una linea difensiva fatta totalmente di stopper, ma la staticità di Ribery e Callejon ha favorito le loro marcature, mentre i movimenti di Bonaventura le hanno fatte saltare per aria. Da quel momento abbiamo creato, e molto, e Vlahovic è finalmente entrato in partita.

Quali prospettive vede per questa squadra, c’è il rischio di dover fare i conti con le zone basse della classifica?
Il gol all’ultimo minuto è quello che serviva, un rintocco emotivo che può e deve liberare da alcune paure. Se assumiamo che i problemi siano psicologici quello di lunedì è un pareggio importante. Resta la consapevolezza di avere qualcosa in più della lotta salvezza ma non troppo: le ultime due stagioni sono state chiuse a 45 punti di media. Purtroppo è andato perso un pezzo di calendario favorevole, ma la svolta negativa della stagione è stata la sconfitta con la Sampdoria, che ha disperso il valore accumulato nel finale del campionato scorso e nelle due buone prime partite: 24 ore dopo abbiamo perso anche Chiesa, che era il più forte o almeno il più capace di produrre qualcosa anche in assenza di manovra. Lui in qualche modo, in area ti ci portava. Come fa Ribery quando sta bene.

Un tema ricorrente della stagione viola è la sterilità offensiva, quali sono le cause a suo parere?
Ribery e Callejon non sembrano in grandi condizioni fisiche. Adesso serve capire se tenerli in campo è utile per ritrovare la loro condizione. Loro non dovrebbero essere il punto di partenza di un senso e di un progetto di squadra, ma la loro classe residua va recuperata perché in questi momenti può e deve aiutare. La loro forza mentale, la loro biografia deve incidere e trascinare. Sono giocatori molto diversi: Ribery sa creare calcio. Callejon invece è sempre stato il terminale di un meccanismo perfetto, non quello che lo iniziava (al limite, era un attaccante di quantità nel soccorso alla fase difensiva). Vlahovic ha problemi anagrafici, Cutrone ha problemi tecnici, Kouame ha problemi tattici, è difficile scegliere dove metterlo in campo: tutti oggi hanno anche impacci mentali, abbiamo compromesso la spensieratezza tipica della loro età. Tre profili inoltre con poche reti alle spalle: questo è stato un errore nella progettazione della squadra. Prandelli deve trovare un gioco: con questi attaccanti non può partire dai gol, non arriveranno spontanei. Non si cercano i gol, si cerca un gioco e tutto il resto arriverà di conseguenza. Lavoro lungo, bello e difficile, soprattutto perché negli ultimi tempi eri abituato ad arrivare in area di rigore individualmente con Chiesa e Ribery. Adesso che i tuoi attaccanti non sono indipendenti le cose vanno fatte diversamente.

Come valuta le scelte operate dalla società sul mercato, sono stati commessi errori?
È stato un anno particolare, molte squadre hanno puntato sulla continuità e ne hanno giovato. Abbiamo lacune ma ad essere deludenti sono i punti di forza, come quel centrocampo che sulla carta tanto pareva forte, dove pure la palla è al sicuro, ma scorre lenta, troppi tocchi, troppo dominio, poco pensiero veloce e coraggioso, poca verticalità, poco movimento senza palla (per questo Bonaventura lo farei giocare sempre: lui vede e si butta negli spazi). In difesa sono tanti e bravi, ma possono diventare forti solo dentro un’idea di squadra e una identità tattica. In attacco ci manca la generazione di mezzo: quella affidabile. Pradè è convinto che Vlahovic possa fare molti gol: ci credo anche io, e forse faccio posto al tifoso più che al giornalista. Ma quanti Under 21 sono andati in doppia cifra lo scorso campionato, dove pure si è segnato tantissimo?
Uno solo, Kulusevski, e partendo dall’esterno del campo. Unico fra i primi 25 marcatori. E solo Lautaro (titolare nell’Argentina e nell’Inter) fra gli Under 25 è sicuro di segnare tanto. Questi sono fatti. E non abbiamo Ibrahimovic davanti che ha protetto la crescita dei giovanotti del Milan. Più in generale, se le cose vanno male, le colpe sono di tutti: della proprietà (troppo aspra con politici, giornalisti, con i massimi sistemi e troppo indulgente con se stessa e con i dipendenti) alla dirigenza, dagli allenatori ai giocatori. Tutti sono sotto rendimento.

C’è chi ipotizza l’inserimento di un nuovo centravanti a gennaio. Alcuni rumors raccontano di un interessamento per Krzysztof Piątek dell’Hertha Berlino, la convince?
No. Magari qualcosa in più dei nostri può dare, ma a me Piatek non piace. Ho ripetuto spesso in tv che lui e Suso erano i limiti del Milan: uno poco tecnico, l’altro perfino troppo e comunque entrambi pochissimo associati agli altri: via loro, via molti equivoci. Non ho cambiato idea: Piatek ha limiti tecnici, spalle alla porta fa molta fatica, non va negli angoli, non disturba le linee difensive, non aiuta lo sviluppo del gioco, anzi, spesso mi è sembrato deprimerlo. È bravo se gli porti la palla gol ma è una riduzione datata di questo ruolo. Poi, dopo i quattro mesi al Genoa ha giocato poco e male e segnato pochissimo. Non possiamo continuare ad accumulare giocatori “incompleti”, dobbiamo cercare giocatori “determinanti”. Se prendi un calciatore che non risolve il problema (e per me Piatek non va bene per una squadra un po’ sotto ritmo come la Fiorentina) di fatto aggiungi un problema. Comunque, se la squadra migliora, i nostri possono bastare: il problema è che non sono loro che possono migliorarla, ma nemmeno Piatek. Io spero di vedere Kouame e Vlahovic in tandem, vicini (non con l’ivoriano ala…) e Bonaventura dietro loro. Ma al di là dei nomi, dopo un gol all’ultimo secondo, dopo un urlo così, dopo essere sopravvissuti, adesso serve una squadra viva, vera, piena e tante cose saranno rivalutate meglio.”

Sconcerti: “La Fiorentina sta facendo una corsa tra squadre che giocano male” 

GERMOGLI PH: 7 DICEMBRE 2020 FIRENZE STADIO ARTEMIO FRANCHI SERIE A FIORENTINA VS GENOA NELLA FOTO GOL ESULTANZA MILENKOVIC
8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. bafforenz_3619770 - 2 mesi fa

    Piatek non serve a nulla e un mezzo bidone ha ragione Bucciantini, ma Venuti sulla destra a spingere non e meglo di Caceres, almeno qualche cros li fa Caceres va bene come difensore ma non a tutta fascia, poi l’ultimo arrivo Basta che fine ha fatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. ilRegistrato - 2 mesi fa

    Piatek è come Cutrone, ha fallito al Milan che l’ha ronzanto a una squadra estera. Poi ha fallito alla squadra estera che ora lo ronza a Pradé per la gioia dei tifosi e dell’allenatore che si ritrova sul groppone un calciatore inutile.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Hatuey - 2 mesi fa

    Io sono d’accordo con Bucciantini, ora come ora, fuori Ribery e Callejon e giocare il rombo con Bonaventura dietro a Vlahovic e Kuame.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. DeepPurple - 2 mesi fa

    In sostanza ci sono aspetti negativi e positivi, da una parte i problemi sono tecnici tattici e mentali mentre degli aspetti negativi oggi siamo ottimisti non ne parliamo

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. augustosandol_5670139 - 2 mesi fa

    Non so se Piatek sia o meno forte di altri ma almeno in Italia ha giocato e a gennaio non puoi prendere un giocatore che non conosce il nostro campionato e e chiedergli di risolverci da subito il problema del gol. Non dico di acquistarlo ma magari un diritto di riscatto con una cifra minima per l’utilizzo. Poi se il nostro slavo esplode prima di gennaio meglio se invece continua a non segnare come oramai fa da troppo tempo ciao!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. Rissofiorentino - 2 mesi fa

    Sono in parte d’accordo. Piatek no tutta la vita. Vlao è infinitamente meglio e ce ne accorgeremo presto. Però non sono d’accordo con le 2 punte. Si deve giocare a tre davanti con Montiel al posto di questo Ribery e Callejon a destra a recuperare il ritmo partita. Il calcio è un gioco semplice basta far giocare chi sa e chi è in forma, per questo Borja in regia, Bonaventura Ambrabat o Duncan, Castro mezzali… Onore al popolo viola!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. antonio capo d'orlando - 2 mesi fa

      Per me Bonaventura deve giocare. Con lui in campo il 442 si può trasformare tranquillamente in 3412 in fase di attacco. Il centrocampo deve essere con Pulgar, Amrabat, Castrovilli e Bonaventura e l’attacco con Vlahovic ed uno fra Callejon, Cutrone o Kuame, con rotazione durante la partita a seconda della forma fisica. Ribery da inserire nella ripresa, solo al posto di Callejon. In realtà, in campo solo uno fra Ribery e Callejon. Penso che Prandelli arrivi a questo, diversamente la vedo nera. FV

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Violaviola - 2 mesi fa

      Hai ragione, pretendiamo che si faccia giocare vlahovic

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy