Asse Italia-Francia, come è cambiata la geografia del mercato viola

Asse Italia-Francia, come è cambiata la geografia del mercato viola

Corvino e Freitas lavorano a cavallo delle Alpi: tra Francia e Italia si muove il mercato della Fiorentina

di Giacomo Brunetti, @gia_brunetti

Lo spiraglio francese si è aperto all’improvviso per la Fiorentina. Nel mese di maggio ha iniziato a prendere corpo, salvo poi evolversi e concretizzarsi con l’apertura dell’attuale sessione di calciomercato. Dagli affari nell’est Europa e la massiccia componente spagnola si è giunti a una rosa che parla sempre di più la lingua di Rousseau. La bussola degli acquisti si è spostata, così come il mirino del comparto tecnico viola, improntato a trattare con la Francia per aumentare il tasso tecnico degli elementi a disposizione di Stefano Pioli.

Sono già arrivati Valentin Eysseric e Jordan Veretout, sono sfumati Jesè Rodriguez e Yann Karamoh, mentre sta per essere definito l’arrivo di Gil Dias, calciatore portoghese ma di proprietà del Monaco: la bandiera francese sventola sempre più con maggior presenza accanto a quella gigliata. Nella stagione della rifondazione, improntata sull’italianizzazione della rosa, dalla terra transalpina stanno arrivando alcuni dei rinforzi più corposi di questo calciomercato: l’interesse per i giovani del Paris Saint-Germain e i tanti nomi di giocatori francesi accostati alla Fiorentina – non ultimo quello di Jordan Amavi, passato al Marsiglia – dimostrano che l’epicentro delle mosse viola si è spostato.

Corvino e Freitas lavorano a cavallo delle Alpi, intenti anche a portare a Firenze Giovanni Simeone: dopo Marco Benassi, sarà lui il nuovo volto proveniente dal campionato nostrano. La linea del mercato si muove su due macro-fronti, pronta a presentare offerte e regalare ulteriori innesti a una rosa che ne necessita. Dall’Italia potrebbe arrivare anche il terzino sinistro, per esempio uno tra Ivan Strinić e Luca Antonelli – quest’ultimo è una possibile contropartita nell’affare Kalinic-Milan – marcando ancor più il leimotiv di questa campagna acquisti.

Cambia la Fiorentina, così come la geografia del suo mercato.

20 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Ganzo schiver - 3 anni fa

    Francia o non Francia avanzeranno 30/40 mln e ci diranno che non sono riusciti a prendere chi volevano, e ci intorteranno con la solita buffonata che li reinvestiranno a gennaio….spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. tornasseicollettivo - 3 anni fa

      autogestione vuol dire che se incassi 100 milioni dalle cessioni 60 li usi per rimpiazzare i partenti e 40 per la gestione della squadra, forse non avete capito che la proprieta’ non stacca piu’ quei 15 milioni al’anno per ripianare il buco di bilancio, è questo il famoso passo indietro annunciato da andrea.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. mario - 3 anni fa

    Più che Asse la chiamerei FISSA e come tale non promette niente di buono

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Axel - 3 anni fa

    Preferivo Ramadani…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. filippo999 - 3 anni fa

    per essere da sesto posto devi stare sopra la Lazio di ieri sera ( tra l’altro ,
    se vendono Keita , hanno i soldi per fare altre operazioni importanti )…secondo
    me , non è un’ipotesi mimimamente credibile

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Gariboldi - 3 anni fa

    Quindi dei 40 milioni abbondanti presi per Bernardeschi ne investono ZERO per l’esterno, prendendo un ragazzino del 96, perfetto il quadro è completo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Aoi_Haru - 3 anni fa

      Il ragazzo del 96 ha un riscatto fissato a 20 milioni, che non sono noccioline …

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ml14 - 3 anni fa

    Ma Simeone l’hanno preso perché è di strada per la Francia? Perché vedere Corvino prendere uno buono è una notizia… comunque, Redazione, per piacere, non ci mettete le foto di Corvino e Freitas insieme, che si rischia l’infarto…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Dellone68 - 3 anni fa

      Freitas 100 volte meglio. Vuoi mettere? Lavorare pensando che si piglia tutti i meriti l’Accademia della Crusca pugliese e tutti i demeriti il buon Freitas e quelli che gli stanno intorno dev’essere un colpo al cuore tutti i giorni. Che cosa ci tocca a fare per campare….avere un capo come l’Accademico è roba da brividi. Comunque a me basterebbe che mi togliessero il padre del Devoto Oli (da ora innanzi Devoto-Oli-Corvino….poeri professori se sapessero….), non vedere più la sua foto farebbe già diminuire di parecchio i miei commenti. Ma i nostri giornalisti sono affascinati da questo personaggio, appena ne vedo uno (ne conosco uno, l’altro fa l’opinionista) glielo chiederò. Ma che ha questo Corvino che vi affascina così tanto? Un mistero, come il suo ritorno a Firenze.
      Comunque non ci daranno questa soddisfazione. Avevo chiesto di non vedere più la foto di Gnigni e Corvino, ma ovviamente non possono accontentarmi/ci….

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. ml14 - 3 anni fa

        Quando te lo dice, fammelo sapere perché sono curioso anche io.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Gabibbo Bianconero - 3 anni fa

    GIOCATORI DI CORSA INTENDIAMOCI DI BUONA GAMBA MA DI TECNICA SOPRAFFINA SOLO IN UN CASO SU DIECI E SI POTREBBE SCOPRIRE IL CAMPIONE MA RISCHIANDO ANCHE DI PRENDERE UNA SUOLA AD ORA POSSO DIRE CHE IL 90% DEI CENTEOCAMPISTI DI LEIGUE 1 VALE MENEGAZZO E NON DI PIÙ VE L’HO DICO IO

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. ilbabonazionale - 3 anni fa

      Ma li fanno i GHOULS?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. Gabibbo Bianconero - 3 anni fa

        MA PERCHÉ MI FATE TUTTI QUESTA DOMANDA OGGI. POCHI CREDO COMUNQUE

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. 29agosto1926 - 3 anni fa

    Spero che Corvino e Freitas lo conoscano bene e non sia la solita scommessa da vincere perché non c’è né il tempo né la voglia (da parte di Pioli e di tutti noi) di aspettare ancora.
    Detto questo voglio essere, ancora una volta, ottimista e pensare che arriveranno ancora due/tre giocatori in grado di fare la differenza.
    Credo che manchino due esterni bassi, lascerei perdere il quarto centrale che, essendo appunto il quarto, potrebbe farlo Tomovic e ci vorrebbe anche un bel mediano di prestanza fisica per farsi sentire nel mezzo al campo.
    Do per scontato lo scambio Kalinic-Simeone (e può starci vista l’età ed il prezzo) ma non ci si può fermare qui.
    Con l’attuale organico ci sarebbe posto per altri 3 giocatori che dovrebbero completare la rosa.
    Se arrivassero ci potremmo ritenere una buona squadra per il sesto posto alla nostra portata.

    Portieri

    Sportiello Marco
    Dragowski Bartlomiej
    Giacomo Satalino

    Difensori

    Astori Davide
    Gaspar Bruno
    Milenkovic Nikola
    Olivera Maximiliano
    Tomovic Nenad
    Vitor Hugo
    xxxxxxxxx
    xxxxxxxxx

    Centrocampisti e esterni offensivi

    Badelj Milan
    Benassi Marco
    Veretout Jordan
    Cristoforo Sebastian
    Valentin Eysseric
    Hagi Ianis
    Sanchez Carlos
    Saponara Riccardo
    Dias Gil
    xxxxxxxxx
    Chiesa Federico
    Zeckhini

    Attaccanti

    Babacar Khouma
    Simeone Giovanni

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Gabibbo Bianconero - 3 anni fa

      SESTO POSTO COMPLICATO. GIÀ IL TORINO DAL PU TO DI VISTA OFFENSIVO POTREBBE AVERE UN POTENZIALE DI GHOULS SEGNATI PIÙ ELEVATO CON BELOTTI LIJAC IAGO E SADIQ SENZA CONTARE CHE FORSE COMORA ZAPATA. E POI CE LA LAZIO

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. francesco.fiorill_459 - 3 anni fa

        Anche Atalanta

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. ml14 - 3 anni fa

      ma non te l’ha detto il tuo amico Nonno Conno che Satalino l’hanno venduto?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 3 anni fa

        Grazie per la risposta sempre gentile ed educata. Volevo scrivere Cerofilini il che non cambia molto ma probabilmente per i palati sopraffini come te è importante.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
    3. fragnsi_806 - 3 anni fa

      Non ti vuoi proprio arrendere al disfattismo che sta operando Corvino, confesso che con i colpi di Benassi e Eysseric fossero stato un punto di svolta, invece mi devo ricredere, non si può puntare tutto su scommesse calciatori semi sconosciuti, di sicuro andremo verso un lungo periodo di sofferenza fino alla vendita della società, quando sarà lungo non lo so, spero vivamente che sia corto. Passare da Politano, Berardi, Emre More, Jesé a sto Gil Dias è un vero salto nel buio

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Lipilini (Sarzana) - 3 anni fa

    Ma quale Antonelli ! Viene per fare la riserva a Olivera ? Noi abbiamo bisogno di due terzini titolari , non di riserve ! Io avrei preso Barreca del Torino giovane con un anno di serie A alle spalle con ottimi risultati, questo era un investimento da fare , ma a Aprile al massimo a Giugno ora se lo vai a chiedere ti chiedono 20 milioni come niente , per la fascia destra io avrei acquistato Zampano uno che costa poco ma che vale , queste erano le mosse che andavano fatte , così si poteva anche far crescere Bruno Gaspar che attualmente mi sembra inadatto

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy