Il retroscena: Badelj, il Milan e la Juventus. Il suo procuratore…

Badelj, futuro possibile al Milan ma l’agente lo ha offerto anche alla Juventus…

di Redazione VN

Alessandro Lucci ha un eccellente rapporto con la Juve. Certificato da quanto accaduto la scorsa estate quando pilotò rapidamente Bonucci verso il Milan, un’operazione rapidissima chiusa in pochi giorni. Adesso Lucci ha un accordo per Perin, aspettando che si trovi l’intesa tra le società e la Juve non ha fretta. E poi… E poi c’è Badelj, fresco di addio alla Fiorentina e che aveva un discorso avviato con il Milan, frenato dalle nuove valutazioni del croato e dai problemi societari rossoneri che in questo momento vietano qualsiasi tipo di approfondimento di mercato. Il rapporto tra Lucci e il Milan ha subìto le normali conseguenze della vicenda Montella, è un po’ più ondivago rispetto a prima. Se Badelj avrà la pazienza di aspettare i rossoneri, bene. Ma è possibile il contrario e sul suo futuro dobbiamo stare attenti alle evoluzioni a sorpresa, con il croato proposto anche alla Juve, nella rivisitazione del centrocampo bianconero e con la possibilità di valutare un colpo a zero. Il mercato è anche questo: ci sono momenti, c’è chi può e chi non può. E tra Lucci e la Juve c’era stato un sondaggio anche per Florenzi, scadenza di 2019, in attesa di capire i negoziati sulla Roma relativi a un contratto ormai non troppo lungo. Lo scrive Alfredo Pedullà sul suo sito.

Violanews consiglia

VIDEO VN – Lazzari: “Firenze grande piazza, che lotta per l’Europa”

Milan, ecco cosa chiede la Uefa: sotto osservazione passato, presente e futuro

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. kk53 - 2 anni fa

    Sono tutti depistaggi del suo procuratore……andrà alla Lazio

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. user-13664476 - 2 anni fa

    qualcuno ha stigmatizzato ĺl”uso della parola mercenario riferita a Badely:dopo l’asta scatenata dal calciatore e dal suo procuratore vogliamo usare il termine escort o prostituta?

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy