Cognigni su Chiesa: “Nessuna autorizzazione a parlare con la Juve. Se qualcuno lo dice, lo quereliamo”

Mario Cognigni sulla vicenda legata al futuro di Federico Chiesa

di Redazione VN

Su Italia Oggi c’è un’intervista realizzata con Mario Cognigni, ex presidente della Fiorentina durante la gestione Della Valle:

Noi non abbiamo dato nessuna autorizzazione; ho parlato solo una volta con il padre, Enrico Chiesa, per studiare come difendere Federico dalle accuse infamanti di Giampiero Gasperini, che lo voleva qualificare come cascatore. Se qualcuno dice che abbiamo autorizzato la Juventus a parlare con Federico o con il padre o con qualunque altro, lo quereliamo.

Mercato giovani: Maganjic punta ad una prima squadra, la situazione

VIDEO – Ceccherini, palleggi e tunnel fra la gente di New York. Il gruppo apprezza

 

19 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. forzaviola2018 - 2 anni fa

    BRAVO GNIGNI..QUANDO CE Vò CE Vò..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Burlamacchi - 2 anni fa

    Rieccoli. Quereleranno un altro tifoso?

    Al solito forti con i deboli e deboli con i forti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Lipilini (Sarzana) - 2 anni fa

    Stai buono non parlare di querele che non ne avete vinta una !

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. CippoViola - 2 anni fa

    Chiunque negherà questa cosa, ovvio, è illegale entrare in contatto con un giocatore di una squadra se questo non è in scadenza senza l’autorizzazione ufficialmente della società proprietaria. Se ci fosse stata l’autorizzazione vera lo avremmo saputo tutti e per tutti intendo TUTTI e a quel punto saremmo stati già in “asta” dal 01.06.. una cosa che qualcuno non voleva.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violino - 2 anni fa

    Il pupazzo braccio destro del genuflesso ha detto la verità. Non c’era autorizzazione, si ma “scritta”. Verbale come dimostrare l’esistenza o meno? Probabilmente non era stata preventivata la cessione in tempi rapidi della società e questo ha ingarbugliato la situazione Dimostrazione è che Commisso tra le prime parole pronunciate su Chiesa disse: “non mi risulta ci sia niente di scritto per eventuale cessione del calciatore”.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. filippo999 - 2 anni fa

    mmhhh…allora devono querelare tutti i giornali italiani…e chissà
    perchè non li hanno querelati quando erano padroni del club…figurati…
    anzi , la parola ” Chiesa ” non l’hanno mai pronunciata per tutto il campionato …quando hanno venduto il club , hanno cominciato a parlare di Chiesa…che ridicoli

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. blues - 2 anni fa

    Ovvio che non siano stati autorizzati contatti, pero’ la juve agiva grazie a quell’atteggiamento menefreghista “fate pure” che aveva la vecchia dirigenza.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. batigol222 - 2 anni fa

    Ahahahah questi sono diventati la macchietta di se stessi

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. vecchio briga - 2 anni fa

    Mai sentito parlare così di un nostro giocatore quando era presidente. Così come Diego. Facile farlo ora. Per 17 anni non lo avete mai fatto, tranne che (temporaneamente) per Cuadrado e Toni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. bitterbirds - 2 anni fa

    probabilmente è vero perchè sappiamo bene tutti che in italia la juve fa quello che vuole senza chiedere autorizzazioni a nessuno, anche e sopratutto in barba a qualsiasi regola scritta o deontologica.
    in europa un pochino meno fortunatamente…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  11. Julinho - 2 anni fa

    Non conti più nulla, per fortuna. Spero che l’oblio su di voi cali più velocemente possibile. Poi visto le figure che avete dimostrato di fare nel mondo del calcio, ne aveste azzeccata una!, state il più lontano possibile dai tribunali. Non è luogo per voi. Questo è certificato, purtroppo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  12. Rotschild - 2 anni fa

    Vorreste davvero perdere l’ennesima causa? Proprio non imparate mai. Più state lontani dai tribunali meglio è per te e i due foulardati.
    Senza contare che dovreste querelare tutta Firenze, ma pensate che siamo tutti cretini qui?
    Avete parlato di Fiorentina piu in questo mese che in 17 anni, qualche dubbio ci viene

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Etrusco - 2 anni fa

      In questo caso dai, è ovvio che non c’erano accordi tra i vecchi dirigenti ed il giocatore, altrimenti sarebbero venuti fuori a giugno. Stavolta la vecchia proprietà non c’entra nulla, è invece fattibile che gli striscers stiano tentando di fare uno dei loro magheggi psicologici.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  13. Etrusco - 2 anni fa

    E fate pure bene Cognigni visto che alcuni provano a far passare per cattivi i vecchi dirigenti mentre nella realtà la colpa è di chi contatta i giocatori senza autorizzazioni.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. user-2073653 - 2 anni fa

      Io una querela da Cognigni non la voglio prendere e mi guardo bene dal dire che avessero autorizzato il giocatore a parlare coi gobbi. Ma una domanda te la voglio fare: ce la metteresti la mano sul fuoco che se ci fossero ancora i vecchi dirigenti oggi Chiesa sarebbe ancora un giocatore della Fiorentina? Io no…

      Rispondi Mi piace Non mi piace
      1. 29agosto1926 - 2 anni fa

        E forse era meglio con 90 milioni sa che acqusiti, Lirola. De Paul, Verdi…………….

        Rispondi Mi piace Non mi piace
      2. Etrusco - 2 anni fa

        È una bella domanda e ti rispondo in generale che sono felice e pure parecchio che il vento sia cambiato sulle sponde dell’Arno. In particolare però, in questo preciso caso, penso che la vecchia dirigenza non abbia per nulla favorito gli striscers anzi, se avessero potuto gli avrebbero messo i bastoni tra le ruote anche questa estate per principio.

        Rispondi Mi piace Non mi piace
  14. Staffa - 2 anni fa

    …per una volta..grande gnignini

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  15. theo.9_713 - 2 anni fa

    Non conti più nulla piccolino, sanno tutti dove sta la verità stare zitti e fatela finita

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy