Viviano: “Via da Firenze perché Montella non mi voleva più. La maglia della Juve gettata a terra…”

Viviano: “Via da Firenze perché Montella non mi voleva più. La maglia della Juve gettata a terra…”

“Loro (gli juventini, ndr) mi odiano e io faccio il massimo per vincere contro, è una normale rivalità sportiva”

di Redazione VN

Ospite della web serie GoalCar, Emiliano Viviano ha raccontato alcuni aneddoti:

Firenze è stato il sogno di vita. Non sono rimasto perché l’allenatore (Montella, ndr) non mi ha voluto. Con lui ho un rapporto normale. Secondo me aveva, e forse ha ancora, la convinzione che non potessi dare il massimo alla Fiorentina, e magari ha anche ragione. Prima di Fiorentina-Juventus i tifosi dissero ai nuovi arrivati che non avevano piacere se fossero andati sotto il settore ospiti con le magliette della Juventus. Successe che Borja Valero stava per farlo e gliela tolsi gettandola a terra, ma non voleva essere un gesto offensivo, poi dopo tutto è stato strumentalizzato. Loro (gli juventini, ndr) mi odiano e io faccio il massimo per vincere contro, è una normale rivalità sportiva.

 

Violanews consiglia

Acosty a VN: “Bradaric? Forte e tecnico, è il nuovo Badelj. Se mi chiede di Firenze…”

De Giorgis: “Soucek costa poco per il valore che ha. Kownacki? La Fiorentina offrì 3 mln ma…”

3 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. vecchio briga - 2 anni fa

    Via da Firenze perché in quel momento Neto era più forte di te. Comunque sei sempre in tempo a tornare..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. mvenie_930 - 2 anni fa

      Se Neto in quel momento era più forte di lui, significa che in quel momento Viviano non era proprio un portiere.
      Lascia perdere… la verità è che Montella non capisce niente di calcio (un giocatore deve saper giocare, e Montella sapeva farlo, ma un allenatore deve saper capire la materia, e non è il caso di Montella).
      E te lo dico da genoano, quindi non credere che stia difendendo Viviano perché suo tifoso.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
    2. Tagliagobbi - 2 anni fa

      No. Neto non era più forte di lui. Cominciarono a rompergli le palle ancor prima di fare la prima amichevole stagionale. Invece di essere contenti di avere un fiorentino e un tifoso viola a giocare per la nostra squadra cominciarono subito a bubare. Lui fece anche alcuni errori che (a differenza di neto) non furono perdonati. Classica storia di Firenze. Quando è stato mandato via a me è dispiaciuto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy