Viviano: “Alla Fiorentina serve una rivoluzione. Io in viola? C’è Dragowski”. E su Chiesa…

Viviano: “Alla Fiorentina serve una rivoluzione. Io in viola? C’è Dragowski”. E su Chiesa…

L’ex portiere gigliato parla del suo futuro, ma tocca anche tanti temi di casa Fiorentina. A partire dal mercato

di Redazione VN

A seguire vi proponiamo i passaggi più interessanti dell’intervista rilasciata da Emiliano Viviano a tuttomercatoweb: “Dalla Spal, più che il riscatto, mi sarei aspettato una telefonata. Siamo al 22 luglio e devo ancora parlare con qualcuno. Quello che hanno fatto l’ho letto sui giornali. Torino? So che stanno cercando un portiere da affiancare a Sirigu. Ho sempre giocato, ma prenderei in considerazione la possibilità di fare il secondo a Salvatore, che è un amico e un portiere forte. E poi Torino è una piazza storica.

Fiorentina? Ci sono tanti calciatori figli della gestione precedente. Credo che la Fiorentina debba fare un po’ di rivoluzione. Non sarà facile. Pradé ha parlato di cinquanta calciatori sotto contratto, mi sembra che la proprietà voglia fare cose importanti. Per quanto riguarda me, beh c’è Dragowski. E da tifoso dico che il bene della Fiorentina viene prima di tutto.

Chiesa? Deve vedere lui ciò che lo rende più felice. L’amore di Firenze nei suoi confronti è grande. Ma non voglio fare il tifoso. Io mi sento di consigliargli di guardare tutti gli aspetti: economici e affettivi. A volte si fanno delle scelte dettate dal momento e si rischia di sbagliare. Ha un papà che può consigliarlo bene”. MA BARONE NON CI STA E ALZA LA VOCE ANCHE CON PARATICI

Chiesa allo scontro: “Cedetemi”. Barone chiude la porta: “Neanche per un miliardo, ditelo ai tifosi”

Dragowski, c’è distanza sul rinnovo ma rimane. La Fiorentina aspetta che il polacco esca allo scoperto

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy