Caso Suarez, sospesa rettrice dell’Università e indagati i dirigenti della Juventus

Dirigenza della Juventus “attivata” per “accelerare” il riconoscimento della cittadinanza italiana all’attaccante uruguaiano oggi all’Atletico Madrid

di Redazione VN

Sospesi i vertici dell’Università per stranieri di Perugia, dove il calciatore uruguaiano Luis Suarez a settembre ha tenuto l’esame “farsa” di italiano, necessario per prendere il passaporto comunitario e vestire la maglia della Juve. Ne dà comunicazione con una nota stampa la procura di Perugia, diretta da Raffaele Cantone.

SOSPENSIONI — La Guardia di Finanza ha sospeso dall’attività per 8 mesi la rettrice Giuliana Grego, il direttore Simone Olivieri e i professori che esaminarono il calciatore del Barcellona Luis Suarez. Secondo l’accusa, “è emerso che i contenuti della prova erano stati preventivamente comunicati allo stesso calciatore, giungendo a predeterminare l’esito e il punteggio d’esame, per corrispondere alle richieste che erano state avanzate dalla Juventus, con la finalità di conseguire un positivo ritorno di immagine, tanto personale quanto per l’Università”. I reati contestati sono “rivelazione del segreto d’ufficio finalizzata all’indebito profitto patrimoniale e plurime falsità ideologiche in atti pubblici”.

INDAGATI I MANAGER JUVE — Si legge ancora: “Gli accertamenti investigativi hanno consentito, altresì, di comprendere come, nei primi giorni del mese di settembre del 2020, la dirigenza del club torinese si fosse attivata, anche ai massimi livelli istituzionali, per accelerare il riconoscimento della cittadinanza italiana nei confronti di Suarez, facendo, quindi, ipotizzare nuove ipotesi di reato a carico di soggetti diversi dagli appartenenti all’università, tuttora in corso di approfondimento. Condividendo le ipotesi accusatorie, il Giudice per le indagini preliminari ha disposto le misure cautelari avendo rilevato il concreto ed attuale rischio che gli indagati, se non sottoposti ad idonea cautela, ripropongano condotte delittuose analoghe a quelle per le quali si procede, avendo mostrato di considerare l’istituzione di cui fanno parte e che rappresentano alla stregua di una res privata gestibile a proprio piacimento”. (Gazzetta.it)

Agnelli-Juventus

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. CIRANO - 2 mesi fa

    Ma va? Cado dalle nuvole. Dirigenti juventini indagati? Ma dai, non ci credo.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Calandrino - 2 mesi fa

    Centro-destra, centro-sinistra. centro e chi più ne ha ne metta: cosa e chi non compra la “Gobba” pur di soddisfare i propri interessi?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. vecchio briga - 2 mesi fa

    Li hanno beccati, che paghino. Ma non sarebbe da stupirsi se non fossero gli unici, è tutto il mondo del calcio italiano che si sente al di sopra della legge. E francamente, proprio in questa fase storica, sarebbe l’ora di abbozzarla..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. Marco 2 - 2 mesi fa

    Serviva Suarez e l’università per stranieri di Perugia rilascia attestati farlocchi per fare ottenere la cittadinanza a chi non ne avrebbe i requisiti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. Marco 2 - 2 mesi fa

      Serviva Suarez e di rimbalzo la Juventus per far emergere che l’università per stranieri di perugia rilascia attestati farlocchi a pagamento per fare ottenere la cittadinanza a chi non ne avrebbe i requisiti. Questa la frase che ho scritto. Cosa è successo?

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. magicdolc_8322107 - 2 mesi fa

    Ma la legge è uguale per tutti o no???Allora devono pagare…Perchè se succede questo ad una persona comune,lo fanno schiantare in carcere…E che sia l’ora di finirla di proteggere sempre i disonesti…..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. ziomario - 2 mesi fa

    In galera.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. Il Viola di Gallipoli - 2 mesi fa

    Sono talmente abituati a lavorare sporco, che sarà solo la rettrice a pagare.
    I dirigenti se la caveranno senza conseguenze.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy