Sentite Diks: “Pronto per la Champions. Io capro espiatorio dopo Napoli-Feyenoord”. Sul futuro…

Sentite Diks: “Pronto per la Champions. Io capro espiatorio dopo Napoli-Feyenoord”. Sul futuro…

“Ora ho 21 anni, sono più forte, più maturo rispetto al mio arrivo alla Fiorentina. Ho il bagaglio necessario per giocare in un club di vertice e in Champions”

di Redazione VN

Il viola in prestito (al Feyenoord) Kevin Diks ha rilasciato la seguente intervista ai microfoni di Voetbal International: “Questa stagione è stata ottima per me perché abbiamo vinto la coppa nazionale e io ho avuto la possibilità di giocare molto, ma questo è niente in confronto alla morte di Davide Astori. La sua scomparsa mi ha davvero sconvolto. Era un ragazzo così gentile, un leader esemplare.

E’ stato uno dei primi a guidarmi in Italia, Davide era importante per tutti. Non potevo crederci quando mi hanno comunicato il suo decesso. Futuro? Qua mi diverto, ma se venissero prese decisioni diverse salirei sull’aereo senza dire una parola. Ho un contratto triennale a Firenze e so quanto sono felice. Ora ho 21 anni, sono più forte, più maturo rispetto al mio arrivo alla Fiorentina. Ho il bagaglio necessario per giocare in un club di vertice e in Champions League. Il Feyenoord mi ha dato tanto”.

Poi Diks ha parlato anche della difficile gestione delle settimane che sono seguite alla serataccia in Champions League dello scorso 27 settembre, giorno di Napoli-Feyenoord: “Dopo il mio errore sul 2-0 per gli azzurri sono rimasto bloccato. Non credevo che per i tifosi sarei diventato il capro espiatorio e invece a ogni palla che sbagliavo seguivano i fischi. Una situazione che personalmente posso anche sopportare, ma per la famiglia e i miei amici che erano in tribuna è stata molto dura. Hanno sentito cose su di me che non avrei voluto sentissero. Il loro sostegno e quello dei miei compagni di squadra mi hanno aiutato ad andare avanti”.

Violanews consiglia

Diks e la seconda Coppa in due anni: “Ma ora aspetto una chance in viola”

Diks: “Astori mi ha aiutato a Firenze. Piango, ma parlare con la squadra mi ha aiutato”

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy