Rialti: “Firenze aspetta la liberazione, Commisso dovrà capire i fiorentini. Spalletti…”

Le parole del noto giornalista e tifoso viola, Alessandro Rialti

di Redazione VN

A Radio Bruno Toscana ha parlato Alessandro Rialti  tra passato, presente e futuro:

C’è una parte di Firenze dispiaciuta e una parte di Firenze che aspetta solo il suono delle campane per la liberazione avvenuta. Sarri alla Fiorentina? Era il sogno di Corvino, è arrivato troppo tardi altrimenti ce l’avrebbe fatta. L’operazione di Commisso è un’operazione internazionale che può avere un riflesso in America. I Della Valle a livello comunicativo non ci hanno capito nulla, Firenze va capita. Speriamo che Commisso parta con il piede giusto, per attingere dall’amore immenso che Firenze ha per la sua squadra. Commisso dovrà trovare un uomo di calcio bravo per gestire due facce dello spogliatoio, una parte di giocatori non all’altezza della Fiorentina che non vuole andare via, e una parte di giocatori buoni ma demotivati, con la volontà di essere ceduti. La vicenda di Chiesa è aperta, che l’abbiano già preso lo reputo altamente improbabile, chi vuole Chiesa deve ottenere il si del giocatore e della società. Ho buoni rapporti con Enrico Chiesa e non mi risulta che abbia accettato proposte al momento. Spalletti è un mio amico, non conoscendo bene Commisso non so se può essere l’uomo giusto. Spalletti se viene a Firenze litiga con tutti, lo so per certo, è uno dei migliori allenatori che c’è in giro, ma è complicato a livello caratteriale.

 

Violanews consiglia

Calamai: “Il futuro di Chiesa non lo decide la Juventus, Commisso…”

 

 

 

 

8 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. @VF1926 - 1 anno fa

    Speriamo di liberarci anche delle famose “penne” di Firenze che rovinano la Fiorentina e Firenze.
    Largo ai nuovi mouse che lavorino con professionalità, onesta e cuore come facevano i vecchi calamai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Gasgas - 1 anno fa

    Ma perché non ti trasferisci in Puglia con Corvino?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. gianni69 - 1 anno fa

    Rialti anche tu dovresti capire come il collega sconcerti che è il momento di andare in pensione. Non ci avete capito una s… Tra tutti voi geni del giornalismo. L’unico è ilbucch.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. nisci - 1 anno fa

    Corvino arrivato troppo tardi??? casomai è tornato troppo presto poteva venire per le vacanze d’estate a fare 2 passi ma i danni che ha fatto sono sotto gli occhi di tutti una squadra in totale sbando che se il campionato avesse avuto altre 2 giornate o forse una sola ci avrebbe visto salutare la serie A!!! Rialti per cortesia ti stimo ma Corvino non si può proprio vedere ed un giornalista serio come te dovrebbe schifarsi ad ascoltarlo dato che non azzecca un congiuntivo manco per sbaglio… spero che certa gente venga a Firenze solo per spendere un pò dei soldi che ha guadagnato quì per fare danni…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. 29agosto1926 - 1 anno fa

    Rialti vive proprio nel Rinascimento. Questo mette 170 Milioni per acquistare una squadra ed è lui che deve capire i Fiorentini. Siamo proprio dei bottegai.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. bati - 1 anno fa

    Incredibile sono d’accordo su qualcosa con Rialti: Spalletti a Firenze non sopravvive. Sarebbe come mettere i due poli uguali di una calamita vicini. Rialti, ma tu quante liberazioni hai visto, tante vero? Perchè non fai un pò di storia per questi ragazzotti che popolano e pontificano senza conoscere o aver capito ( più probabile) la storia della Fiorentina. Parli di comunicazione, ma è un concetto un pò strano per i fiorentini, l’unica comunicazione riuscita veramente nella nostra storia è stato il balletto sulla balaustra. Zero parole ma una camminata alla Ridolini sulla balaustra di un balconcino. E’ questo il grande problema caro Rialti, c’è un grande analfabetismo funzionale che affligge non solo strati di tifoseria ma anche chi dovrebbe essere immune e filtrare e decodificare i messaggi. Questa barriera alla compensione genera sospetti e malintesi che portano velocemente alla contestazione e all’insulto. Io consiglierei a Commisso di comunicare in inglese così si taglia subito gran parte dei destinatari e incentiviamo i vogliosi giornalisti fiorentini ad andare oltre agli zelanti “hallo mr. president” e a portarsi ad un livello di conoscenza dell’inglese superiore e tale da poter decodificare la comunicazione societaria per tutta la tifosera. Basta malintesi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. gianni69 - 1 anno fa

      Caro bati quello che camminava sulla balaustra era anche quello che ti pagava o mi sbaglio? Tu sei un po’ contorto.

      Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. user-2073653 - 1 anno fa

    Rialti è proprio innamorato di Corvino, non perde occasione di incensarlo…

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy