Renzi: “Il Franchi non è come gli Uffizi, assurdo rinunciare a certe opportunità”

Renzi: “Il Franchi non è come gli Uffizi, assurdo rinunciare a certe opportunità”

Le parole del senatore

di Redazione VN

Matteo Renzi, leader di Italia Viva, ha parlato ai microfoni di Radio Toscana. Queste alcune delle sue dichiarazioni:

Ci sono centinaia di milioni di euro che i privati, facendo gli stadi, metterebbero sul territorio italiano e fiorentino. Privarsi di questa opportunità, in un periodo di tale crisi, è assurdo. Se c’è l’autorizzazione del Comune siamo a cavallo, senza dover aspettare anche la sovrintendenza. Questo emendamento permetterebbe a tutte le squadre che vogliono fare lo stadio di poterci riuscire, con conseguente aumento dei posti di lavoro che aiuterebbe un sacco di persone bisognose. Franchi? Lo stadio non è un museo come gli Uffizi. Intervenire sul Franchi, rendendolo comunque bello, sarebbe una cosa giusta da fare.

 

-> TUTTE LE NOTIZIE DI CALCIOMERCATO DELLA FIORENTINA

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. user-2073653 - 4 settimane fa

    Renzi, non sei come De Gasperi. Assurdo che tu sieda in parlamento.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Julinho - 4 settimane fa

    Elezioni, cosa si fa per te….. si spara grosso anche se un piace al re……
    Un altro senza ritegno alcuno. Una bomba dietro l’altra. A Firenze ben sappiamo che tra coloro che avevano preso impegni per la Cittadella Viola c’era anche lui neo eletto sindaco della città. Poi com’è finita? Passata la Festa gabbato lo Santo. L’unico che si è scordato tutto o fa finta di non ricordare è solo lui! realizzazioni zero, zero zero. Siamo ancora a zero.
    Naturalmente in compagnia dei suoi cortigiani che ad ogni piè sospeso si fanno avanti con mirabolanti, irrealizzabili e irrealistiche promesse.
    Vediamo dopo le elezioni questo signore dove sarà. I suoi adepti da poche parti, forse finalmente a lavorare, lui ci sta che se la possa in qualche maniera disbrigare. Del resto anche Razzi e Scilipoti se la sono passata alla grande, alla faccia nostra e grazie a noi che gli abbiamo pagato lauti stipendi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy