altre news

Prestigio e non solo: ecco quanto vale la vittoria della Coppa Italia

La vittoria della Coppa Italia porterebbe un discreto gruzzolo nelle casse di Atalanta, Fiorentina, Milan o Lazio

Redazione VN

Non solo la soddisfazione di alzare un trofeo e l'arricchimento della bacheca, la vittoria della Coppa Italia - scrive sportmediaset -  porterebbe nelle casse societarie un discreto gruzzolo. L'occasione per Milan, Lazio, Atalanta e Fiorentina è quella di incassare oltre 13 milioni di euro combinando il montepremi del torneo oltre alla possibilità di partecipare alla Supercoppa Italiana e alla qualificazione ai gironi di Europa League.

La Lega di Serie A - scrive Calcio e Finanza - ha fissato il montepremi complessivo a circa 18 milioni di euro: i premi iniziano ad essere distribuiti alle squadre a partire dal passaggio del turno degli ottavi. La finalista sconfitta incasserà circa 3,4 milioni di euro, mentre chi alzerà la coppa all’Olimpico incasserà premi per circa 5,2 milioni di euro.

Un’altra fetta di ricavi arriva dalla biglietteria. Come si legge nel regolamento della Tim Cup, redatto dalla Lega Serie A, “l’incasso lordo da biglietteria della finale della Competizione, al netto dell’aggio della concessionaria del servizio e dedotti gli oneri fiscali e le spese di affitto del campo e di organizzazione forfettariamente liquidate nel 10% dell’incasso netto, è suddiviso come segue: 45% a ciascuna delle due società in gara; 10% all’organizzatrice della Competizione”.

Per un incasso, ad esempio, da complessivi quattro milioni di euro (simile a quelli delle ultime edizioni), ciascuna squadra può ricevere circa 1,8 milioni di euro ciascuno, mentre il resto finisce nelle casse della Lega Serie A: arrivare in finale potrebbe così valere valere oltre 5 milioni di euro, alzare la coppa invece potrebbe permettere di incassare circa 7 milioni di euro.

[poll id="458"]

http://redazione.violanews.com/news-viola/probabile-formazione-spazio-a-gerson-ballottaggio-tra-dabo-e-benassi/

tutte le notizie di

Potresti esserti perso