Marotta: “Perdite Serie A? Situazione drammatica per i club, vicini al default”

Le parole di Giuseppe Marotta

di Redazione VN

L’amministratore delegato dell’Inter ha parlato a Varese News:

La situazione economica per i club è devastante, siamo davanti a un default. Si calcola che la Serie A produca 4 miliardi di euro a stagione, ed in un anno normale il deficit era di circa 700 milioni. Nel 2020 andiamo verso il 50 per cento. Il costo del lavoro è sproporzionato rispetto al fatturato, soprattutto gli ingaggi dei giocatori. Anche gli sponsor hanno iniziato a ridurre gli investimenti pubblicitari. Siamo davanti a una situazione drammatica dal punto di vista finanziario.

D. Rossi: “Prandelli può far bene, ma davanti ai viola ci sono sette o otto squadre”

 

diritti tv serie A

 

7 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Bottegaio - 2 settimane fa

    Mettetevi nell’ordine delle idee che quando questa tempesta sarà domata, no l’anno prossimo e manco quello dopo, probabilmente quello che abbiamo visto fino a ora non esisterà più.
    Preparatevi a una serieA monca, senza i tre club strisciati e forse qualche altro club.
    La Fiorentina se non vuole scomparire dalla scena che conta e vedete che di grandissimi club spariti, divorati dalla Champions league ci sono, deve farsi trovare pronta sia con i risultati sportivi, ma sopratutto con una struttura finanziaria e patrimoniale di beni immobili da top club.
    La European Premier League è più vicina di quanto si immagina. In tempi pre-covid neanche parlarne, ma la pandemia rivoluzionerà tutto. Fatevene una ragione.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Barsineee - 2 settimane fa

    ce ne faremo una ragione caro Marotta? Voi e tutti quelli come voi che avete buttato nel cesso miliardi di euro per un gioco che fa vincere sempre le solite squadre da 30 anni a questa parte. Se togli l’anno della vittoria di Roma e Lazio, bisogna tornare agli anni 90 per vedere un po’ di suspance nel calcio italiano. Fallite voi e tutti gli altri come voi!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. Eziogòl - 2 settimane fa

    Speriamo. Che falliate tutti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. vecchio briga - 2 settimane fa

    Avete voluto un calcio fondato tutto su diritti tv, per altro distribuiti in modo che vincessero sempre le stesse, ora sono cazzi vostri. Ho una piccola attività, messa a dura prova da questa emergenza. Io come tanti altri purtroppo. Mi devo preoccupare degli stipendi dei calciatori che le società non riescono più a pagare? Ma sai quanto me ne frega?? I calciatori rinuncino a 2/3 del loro ingaggio, sennò per me possono andare a farsi benedire..

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. BVLGARO - 2 settimane fa

    non sarà una situazione in eterno, nel 2021 si spera grazie al vaccino la vita tornerà come prima. Gli stipendi dei calciatori? Stendiamo un velo pietoso. Metterei un tetto di 100.000€ all’anno di guadagno su tutti i campionati europei. Adani ha proposto ai calciatori di tassarsi il 5% per non far morire i campionati minori e il calcio dilettantistico… col ca che accettano! dal primo all’ultimo! uno sport di plastica che è destinato a scoppiare nella sua bolla.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. 29agosto1926 - 2 settimane fa

    Volevo vedere quanto ci metteva questa redazione ad accorgersi dello splendido articolo di Repubblica su questo tema. Nin si tratterà più di avere buoni giocatori ma di oagarli. 15 Società su 20 non hanno i soldi per pagare il primo trimestre del campionato (Agosto-Ottobre). Questa sarà la vera battaglia delle società altro che Piatek o Milik.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
    1. BVLGARO - 2 settimane fa

      per qualche mese ci si turerà il naso e poi a primavera il baraccone ricomincia peggio di prima…. e il calcio non è il solo settore in crisi. io lavoro nel turismo ed è un bagno di sangue non per pochi… ma per tanti!

      Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy