Maldini sfida la Uefa: “Il Milan ha tante armi. Anche l’anno scorso non dovevamo fare le coppe…”

Le dichiarazioni del dirigente rossonero: “Incostituzionale non permettere a un club sano di fare mercato”

di Redazione VN

“Anche l’anno scorso dovevamo essere esclusi dalle coppe europee e poi è intervenuto il Tas. Siamo pronti a tutto, abbiamo tante armi. Come club vogliamo che non sia un confronto duro e senza dialogo, il Financial Fair Play ha azzerato i debiti nel calcio europeo ma non permettere ad una società sana e senza debiti di intervenire sul mercato è anche incostituzionale. La Uefa ha ben capito che il Milan è una società sana, con persone competenti e vuole tornare in alto”. Così il direttore sviluppo strategico area sport rossonero, Paolo Maldini, all’indomani del deferimento per violazione del Fair play finanziario. “La comunicazione non è una sorpresa, c’è un dialogo settimanale con l’Uefa – ha spiegato il dirigente rossonero -. Sono comunque in discussione gli anni precedenti ad Elliott”. A riportare le dichiarazioni è l’Ansa. BELLINAZZO: “ECCO COSA RISCHIA IL MILAN”

Violanews consiglia

Uefa, ancora guai per il Milan: deferito alla Camera Arbitrale

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Marco Chianti - 2 anni fa

    Saranno queste forse le armi del Milan? €€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€€

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. claudio.viola - 2 anni fa

    Ecco il fenomeno della finanza mondiale. Ora sarebbe “incostituzionale” non permettere ad una società sana e senza debiti di fare mercato… E quale sarebbe la società sana? Vorrei ricordare a questo eccellente ex giocatore ma evidentemente scarso conoscitore di impresa, che il Milan è una società distinta dal gruppo Elliott e che quella che lui chiama società sana ha accumulato “perdite” per 226 milioni negli ultimi tre esercizi chiusi (e se quest’anno non andrà in champion’s league perderà almeno altri 50 milioni). Di cosa si sta a ragionare? Chiedete scusa e basta, seguite le regole e state al gioco, come tutti gli altri. Avere un proprietario forte può aiutare ma non può cancellare i risultati economici del club. E’ per questa ragione che è stato istituito il fair play finanziario. Spero che un giorno la UEFA potrà davvero fare giustizia e applicare la norma, non solo al Milan ma anche al Manchester City e al Paris Saint Germain che da anni prendono in giro il mondo del calcio con finti ricavi che non stanno nè in cielo nè in terra. Ma come sempre ho paura che tra appelli e contro appelli si salveranno anche questa volta. Impuniti.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy