L. Elkann contro D. Della Valle: su Facebook una foto contro le Hogan. Ma è pronta la collaborazione

L. Elkann contro D. Della Valle: su Facebook una foto contro le Hogan. Ma è pronta la collaborazione

Continua la polemica a distanza tra Lapo Elkann e Diego Della Valle

di Redazione VN

Lo scontro tra Diego Della Valle e la famiglia Agnelli – scrive il sito internet de Il Messaggero – non si placa. Dopo l’ultimo attacco del patron delle Tod’s, che ha definito la Fiat “un bidone” e attaccato di nuovo l’amministratore delegato del gruppo, Sergio Marchionne, Lapo Elkann, nipote dell’avvocato Agnelli, risponde con ironia e posta su Facebook, come segnalato oggi dal Fatto quotidiano, una raffica di foto che prendono in giro le scarpe Hogan, uno dei marchi che fanno capo a Della Valle.

Il rampollo della famiglia torinese, evocando una campagna che da tempo è in voga sul web, sbeffeggia le Hogan con l’immagine di una maglietta con la scritta: “Scusa hai le Hogan non ti posso parlare”.

Sulla pagina ufficiale del fondatore di Italia Independent la prima foto in risposta agli attacchi di Della Valle, postata ieri, raffigura una Cinquecento grigia con i cerchioni rossi e una tavola da surf sul tetto. Sopra la scritta: “Una macchina puo’ far sognare piu’ di un paio di scarpe! Enjoy the silence!”.

Subito dopo la foto della maglietta, quindi una immagine della star del wrestling Hulk Hogan con la didascalia “L’unico HOGAN che stimo!!!”. Quindi dei mocassini di Car Shoe (marchio del gruppo Prada) con i gommini sulle suole diventati poi simbolo delle Tod’s con la scritta: “CAR SHOES fondata nel 1963….THE ORIGINAL!!!”.

Vi proponiamo anche l’articolo del Corriere della Sera in cui si annuncia la futura collaborazione, da ottobre, tra la Tod’s, marchio dei fratelli Della Valle, e Lapo Elkann:

Decontestualizzare il già noto e porlo in nuovi contesti. Creare nuovi codici senza tradire le proprie radici. «Le stagionalità della moda del passato hanno ceduto il passo a una non-stagionalità. A progetti di stile che rispondono a esigenze creative autonome. Ma in continua evoluzione: pensare a collaborazioni sempre più stimolanti»: Diego Della Valle, patron di Tod’s così contestualizza il mondo di No_code.

Materializzato in un nuovo modello di sneaker Tod’s presentato ieri a Milano a Garage Italia, la creatura di Lapo Elkann (officina creativa dove poter personalizzare anche un aereo), autore con il suo team di un filmato che racconta il pensiero di Tod’s, con cui il vulcanico Lapo a ottobre lancerà un progetto di collaborazione. «Pensare su più fronti in completa autonomia e libertà — continua Della Valle -—. Non si può più essere focalizzati su un solo canale, ma aperti ai cambiamenti».

Così il nuovo modello No Code, contemporaneo capitolo creativo del Gruppo Tod’s, è già disponibile nei negozi. See Now, buy Now, allora? «Attenzione. Qualità e tradizione non vanno tradite. Così ciò che è disponibile oggi, nasce da un lavoro iniziato mesi prima. Ma da raccontare al momento giusto», spiega.

Nel video si respira questo spirito di libertà e di trovarsi di fronte a soluzioni inattese. Come un prete in clergyman mentre salta la corda. Nulla di provocatorio, ma una libera reinterpretazione. Essenza della creatività. E quella di Lapo Elkann vedrà all’inizio di luglio la riproposta di una vera icona del mondo delle quattro ruote e il 14 luglio, data non certo scelta a caso, l’annuncio di un nuovo progetto con un marchio francese.

 

10 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. c.ghilarducc_492 - 1 anno fa

    Sono certo che il cda di Fiat e DDV terranno molto conto di quanto detto da Lapo Elkann …

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Marcodalpaesello - 1 anno fa

    Lapo, la tua canzone mi ha tenuto compagnia per una stagione allo stadio!
    Che fava tu sarai…
    “le vacanze americane coca e alcool nel privee,
    è arrivata una p. che assomiglia a Cissè… e via andare

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  3. user-2073653 - 1 anno fa

    Io se devo sognare con una macchina, sogno con una Mercedes, con una Ferrari, con una Audi, non certo con una 500 grigia coi cerchi rossi…

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  4. ricbuc - 1 anno fa

    Nella prima parte scrivete che lapo infama i Della Valle e nella seconda scrivete che inizieranno una collaborazione…Vi sembra normale?!
    secondo me qualcosa in questo articolo non quadra…ora va bene che Lapo è un pò difori ma così mi sembra troppo!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  5. Violaceo - 1 anno fa

    Certo che essere sbeffeggiati da uno che tira cocaina con dei travestiti , fa capire che in italia se sei figlio di …. puoi fare quello che vuoi , comunque figlio di .. o no resta sempre un’idiota , e per quello non c’è famiglia che tenga

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  6. UNO VIOLA - 1 anno fa

    Ma questo parla ancora? Ma dopo le immense figure da meschino che ha fatto PARLA ANCORA!!!! Dategli due viados e mandatelo a sciare sulle piste di NEVE. LO STILE JUVE… puah.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  7. alesquart_863 - 1 anno fa

    Un attimo, la Tod’s presenta il suo ultimo modello nel locale di quel c******e fatto come una mina e questo intanto li insulta sul web? Beh lui si sa cos’è, ma loro si fanno trattare così da un bamboccio viziato che fa solo danni?

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  8. Gasgas - 1 anno fa

    La Fiat… degno simbolo di questo paese. Fiero di non averne mai avuta una. Antigobbi al 100%

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  9. Julinho - 1 anno fa

    Certo senti da che pulpito viene la predica…. uno che per pagare 10.000 euro ha finto in America un autorapimento…. messo a tacere dalla potente lobby della Fiat presa dalla disperazione del figlio scemo! Ma vaia, vaia, vaia!!!

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  10. Ale 1926 - 1 anno fa

    Personaggio che deve riempire il tempo facendo qualcosa. Lavorasse dalla mattina alla sera, mai impiegherebbe il tempo libero per simili baggianate. Oddio, lo impiega facendo anche di peggio. Se i soldi danno alla testa così, preferisco essere un anonimo come sono.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy