Guerini su Rossi: “Senza il suo infortunio, Fiorentina in Champions con la sigaretta”

Guerini su Rossi: “Senza il suo infortunio, Fiorentina in Champions con la sigaretta”

Guerini: “Nella mia lunga carriera ho visto tanti giocatori e ritengo che lui sia uno dei dieci più forti che ho visto dal vivo, un fuoriclasse”

di Redazione VN

Se le visite mediche dovessero andare bene, Giuseppe Rossi diventerà un nuovo giocatore del Genoa. Vincenzo Guerini, ex club manager della Fiorentina, ha parlato così di Pepito a TMW:

“Stiamo parlando di un ragazzo eccezionale e averlo visto allenarsi dal vivo è stato qualcosa di speciale. Nella mia lunga carriera ho visto tanti giocatori e ritengo che lui sia uno dei dieci più forti che ho visto dal vivo, un fuoriclasse. Se non avesse avuto infortuni poteva giocare tranquillamente nel Barcellona, nel Real Madrid o nel Bayern Monaco”.

Adesso che torna in A che si sente dire?
“Non so come sta, ma mi auguro che si possa togliere grandissime soddisfazioni, considerando anche il suo amore infinito per il calcio. Raramente ho visto giocatori così appassionati. A Firenze ha regalato una soddisfazione che resterà nella storia, segnando quei tre gol alla Juve nella vittoria per 4-2 in rimonta. Aggiungo che se non si fosse fatto male, nella stagione 2013-14 saremmo arrivati in Champions con la sigaretta in bocca”.

Un Rossi al 70-80% può essere determinante?
“Può bastare per salvare da solo il Genoa”.

vnconsiglia1-e1510555251366

Pepito atterra in Italia e pensa già alla sfida da ex: “Fiorentina-Genoa sarà una grande partita”

Dunga: “Forte legame con i tifosi viola. Io Ct azzurro? Mi piacerebbe”. E su Hugo…

1 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Up The Violets - 2 anni fa

    Prima il Sassuolo, con il debutto in panchina di Iachini che farà un super catenaccio per portare via almeno un punto; a seguire, l’impossibile trasferta di Napoli, la partita interna contro un Genoa che con Ballardini si è ripreso (fermando anche quella Roma che ci aveva asfaltati a domicilio) e ora ha pure Pepito, la trasferta di Cagliari (campo tradizionalmente ostico, ancor più considerando la nostra orrenda media punti contro le medio-piccole) e lo scontro diretto con il Milan, incognita bella grossa perché se nel frattempo Gattuso facesse meglio di Montella (facile) anche quella sarebbe una partita ai limiti del proibitivo.

    …Ancora convinti, come scriveste ieri sera, che il calendario della Fiorentina da qui alla fine del girone d’andata non solo sia “favorevole” ma addirittura sia migliore rispetto a quelli delle ipotetiche rivali per il settimo posto? Per me, ripeto, l’avete sparata un po’ grossa, ma naturalmente spero di sbagliarmi.

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy