Fiorentina-Prandelli, destini incrociati. La storia di un amore “mai” perduto

Fiorentina-Prandelli, destini incrociati. La storia di un amore “mai” perduto

Fabrizio De Andrè nel 1966 cantava la “Canzone dell’Amore Perduto”, ma tra la Fiorentina e Cesare Prandelli l’amore non è mai venuto meno. Anche se domenica sera uno dei due amanti rischia di avere il cuore spezzato.

di Filippo Angelo Porta, @FilippoPorta

Domenica sera, al Franchi, assisteremo alla sfida salvezza fra Fiorentina e Genoa. E a rendere ancora più emotivamente carica la partita c’è un fatto. O, meglio, un signore, il quale ora siede sulla panchina dei grifoni. Ha lunghi capelli neri (adesso un po’ più bianchi), vestito con grande eleganza. Un allenatore che a Firenze ricordano sempre con affetto, per gli anni favolosi trascorsi assieme. Già, la Fiorentina e Prandelli. Ancora loro due. I due amanti che, da quando si sono lasciati nella turbolenta estate del 2010, non hanno mai smesso di amarsi e scambiarsi brevi – ma intensi – messaggi d’amore. Il popolo fiorentino non ha dimenticato gli anni strepitosi della Fiorentina di Prandelli, quando, invece di giocarsi la salvezza, si giocava per la conquista delle prime posizioni della classifica. Nove anni che sembrano in realtà un’eternità, se confrontati con le ultime, tristi, stagioni. All’epoca c’era una grande squadra, un grande allenatore e una società che partecipava con empatia alle gioie della città e che, di conseguenza, gioiva essa stessa. Ora, invece, sembra tutto più triste.

Ora la Fiorentina si giocherà la sfida salvezza col suo Genoa, in un match il cui risultato rischia di spezzare il cuore a uno dei due amanti. C’è il rischio che uno dei due si faccia seriamente male: un po’ come quando una coppia si lascia e uno dei due (in teoria chi è stato lasciato) cerca in ogni modo di ferire l’altra parte. Ma non è questo il caso. Nessuno dei due avrebbe immaginato di trovarsi in una simile situazione. Per un momento, domenica sera, bisognerà dunque chiudere gli occhi e dimenticare chi c’è dall’altra parte. Ma solo per un momento, perché tra Prandelli e la Fiorentina l’amore non è mai stato perduto.

Violanews consiglia

UN MINUTO DOPO LA FINE DEL CAMPIONATO: ANTOGNONI COME DIEGO DELLA VALLE

VIDEO VN, ANTOGNONI SICURO: “I TIFOSI STIANO TRANQUILLI, DOMENICA CI SALVEREMO”

GENOA, SAREBBE STATO MEGLIO PERDERE. ECCO PERCHE’

 

2 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

  1. Etrusco - 4 mesi fa

    Caro Prande dopo di te è arrivata la religione del pareggio di Bilancio ed ora eccoci qua a lottare per non finire in B.

    Rispondi Mi piace Non mi piace
  2. Barsineee - 4 mesi fa

    Chissà chi trova la sua vera dimensione? Montella sicuramente mi sembra l’allenatore giusto oggi per condurci in una dimensione nuova per molti. Prandelli invece può regalarci … Ah no relegarci in altre serie …

    Rispondi Mi piace Non mi piace

Recupera Password

accettazione privacy